laRegione
04.10.22 - 17:00

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo

Ats, a cura di Red.Web
una-tarma-ha-nella-saliva-gli-enzimi-che-sciolgono-la-plastica
Foto:Andy Reago & Chrissy McClarren, CC BY 2.0, attraverso Wikimedia Commons

Due proteine, denominate Demetra e Cerere come la divinità greca e latina dell’agricoltura, presenti nella saliva di una tarma sono in grado di avviare il processo di degradazione di una delle più diffuse materie plastiche, il polietilene. A scoprirle un gruppo di ricercatori spagnoli del Consejo Superior de Investigaciones Cientificas coordinati dall’italiana Federica Bertocchini, che hanno illustrato la ricerca sulle pagine di Nature Communications.

Il gruppo guidato da Bertocchini, in passato, aveva scoperto che le larve di un lepidottero il cui nome scientifico è ‘Galleria mellonella’ e che è comunemente conosciuto con diversi nomi (tarma della cera, tignola degli alveari, camola del miele) sono in grado di ossidare il polietilene in un tempo così breve da renderlo "il più veloce agente biologico noto capace di modificare chimicamente il polietilene", spiegano i ricercatori.

Quello dell’ossidazione è un passaggio chiave e il principale "collo di bottiglia" nei processi che aspirano a degradare le materie plastiche, scomponendole in componenti più semplici. "Ricerche precedenti hanno dimostrato che il polietilene può essere degradato con mezzi biologici, ma ciò generalmente richiede un aggressivo pretrattamento inorganico per iniziare il processo (ad esempio, utilizzando calore o radiazioni)", si legge in una nota. "La degradazione può essere ottenuta da alcuni microrganismi, ma si tratta di un processo molto lento che può richiedere mesi. Inoltre, non sono stati identificati gli enzimi responsabili".

Nel nuovo studio, il team ha ricercato nella saliva della tarma della cera quali fossero le componenti in grado di conferirle la capacità di degradare il polietilene. Dopo avere analizzato le proteine costitutive della saliva gli scienziati sono giunti all’identificazione dei due enzimi Demetra e Cerere. "Per quanto ne sappiamo, sono i primi enzimi animali con questa capacità", spiegano i ricercatori. "Ciò apre la strada a potenziali soluzioni per la gestione dei rifiuti di plastica attraverso il bio-riciclo". Inoltre, secondo gli scienziati, lo studio suggerisce che la saliva degli insetti potrebbe rivelarsi una miniera di enzimi in grado di degradare le più diverse sostanze "che potrebbero rivoluzionare il campo del biorisanamento". Allo studio hanno collaborato ricercatori dell’Università degli Studi della Basilicata di Potenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
2 ore
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
9 ore
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
10 ore
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
12 ore
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
1 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
2 gior
Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online
Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
2 gior
Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)
Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
Libri
2 gior
‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali
Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
© Regiopress, All rights reserved