laRegione
22.09.22 - 17:05

Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati

Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense

Ats, a cura di Red.Web
covid-nel-mondo-40-milioni-di-disturbi-neurologici-collegati
Keystone
Effetti collaterali del post-coronavirus

Un anno dopo il Covid, il rischio di diverse complicanze neurologiche è concreto: si stimano 40 milioni di nuovi casi di disturbi neurologici post-Covid nel mondo. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista ‘Nature Medicine’ e condotta da esperti della Washington University School of Medicine a St. Louis (Usa).

Tali complicazioni includono anche ictus, problemi cognitivi e di memoria, depressione, ansia, emicrania, disturbi del movimento, da tremori e contrazioni muscolari involontarie a crisi epilettiche, anomalie dell’udito e della vista, difficoltà di equilibrio e coordinazione e altri sintomi simili a quelli del morbo di Parkinson.

"Il nostro studio fornisce una valutazione completa delle conseguenze neurologiche a lungo termine del Covid-19", ha dichiarato l’autore senior Ziyad Al-Aly. "Gli studi precedenti hanno esaminato un insieme più ristretto di esiti neurologici, per lo più in pazienti ospedalizzati. Noi abbiamo valutato 44 disturbi cerebrali e altri disturbi neurologici sia tra i pazienti non ricoverati, sia tra quelli ricoverati, compresi quelli in terapia intensiva. I risultati mostrano gli effetti devastanti a lungo termine del Covid-19. Il virus non è sempre così benigno come alcuni pensano".

Complessivamente, il Covid-19 ha contribuito a più di 40 milioni di nuovi casi di disturbi neurologici in tutto il mondo, ha dichiarato Al-Aly. "Stiamo riscontrando problemi cerebrali in individui precedentemente sani e anche tra coloro che hanno avuto infezioni lievi", ha detto Al-Aly. "Non importa se si è giovani o anziani, donne o uomini, né se si fuma o meno, o se si hanno altre abitudini o condizioni non salutari".

I ricercatori hanno analizzato circa 14 milioni di cartelle cliniche. Hanno creato un set di dati controllato di 154’000 persone che erano risultate positive al Covid-19 dal 1° marzo 2020 al 15 gennaio 2021. Hanno confrontato gli esiti neurologici dei guariti dal Covid-19 con quelli di altri due gruppi di persone non infettate dal virus, complessivamente oltre 11 milioni di individui.

I ricercatori hanno esaminato la salute del cervello del campione per un periodo di un anno. Le condizioni neurologiche hanno riguardato un 7% in più di persone guarite dal Covid rispetto a quelle di controllo.

Rispetto ai gruppi di controllo, le persone che hanno contratto il virus avevano un rischio maggiore del 77% di sviluppare problemi di memoria. Inoltre i ricercatori hanno notato un aumento del rischio di Alzheimer tra le persone infettate dal virus. Poi, rispetto ai gruppi di controllo, le persone affette dal virus avevano il 50% di probabilità in più di soffrire di ictus ischemico, l’80% di probabilità in più di soffrire di crisi epilettiche, il 43% di probabilità in più di sviluppare disturbi mentali come ansia o depressione, il 35% di probabilità in più di soffrire di mal di testa da lievi a gravi e il 42% di probabilità in più di disturbi del movimento.

I soggetti affetti da Covid-19 avevano anche il 30% di probabilità in più di problemi agli occhi, come visione offuscata, secchezza e infiammazione della retina, e il 22% di probabilità in più di sviluppare anomalie dell’udito, come acufeni o ronzii nelle orecchie.

"Il nostro studio fornisce un resoconto completo delle conseguenze neurologiche del Covid-19 un anno dopo l’infezione", ha concluso Al-Aly.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Video
Sogno o son Festival
1 ora
Morandi per la melodia, Pegah per l’Iran, Tananai per l’Ucraina
Dopo l’affondo di Fedez, Sanremo va a letto tardi e si sveglia con il video di Tananai: il suo ‘Tango’ è dedicato all’Ucraina.
Sogno o son Festival
2 ore
Notte in Blanco (fatti mandare dalla mamma a rompere il latte)
Siamo onesti: chi da giovane non ha mai sfasciato un palco? E quante bottiglie avrà spaccato Morandi prima di diventare famoso?
Sogno o son Festival
4 ore
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
20 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sogno o son Festival
23 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
23 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
1 gior
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
1 gior
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
1 gior
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
© Regiopress, All rights reserved