laRegione
22.09.22 - 17:05

Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati

Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense

Ats, a cura di Red.Web
covid-nel-mondo-40-milioni-di-disturbi-neurologici-collegati
Keystone
Effetti collaterali del post-coronavirus

Un anno dopo il Covid, il rischio di diverse complicanze neurologiche è concreto: si stimano 40 milioni di nuovi casi di disturbi neurologici post-Covid nel mondo. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista ‘Nature Medicine’ e condotta da esperti della Washington University School of Medicine a St. Louis (Usa).

Tali complicazioni includono anche ictus, problemi cognitivi e di memoria, depressione, ansia, emicrania, disturbi del movimento, da tremori e contrazioni muscolari involontarie a crisi epilettiche, anomalie dell’udito e della vista, difficoltà di equilibrio e coordinazione e altri sintomi simili a quelli del morbo di Parkinson.

"Il nostro studio fornisce una valutazione completa delle conseguenze neurologiche a lungo termine del Covid-19", ha dichiarato l’autore senior Ziyad Al-Aly. "Gli studi precedenti hanno esaminato un insieme più ristretto di esiti neurologici, per lo più in pazienti ospedalizzati. Noi abbiamo valutato 44 disturbi cerebrali e altri disturbi neurologici sia tra i pazienti non ricoverati, sia tra quelli ricoverati, compresi quelli in terapia intensiva. I risultati mostrano gli effetti devastanti a lungo termine del Covid-19. Il virus non è sempre così benigno come alcuni pensano".

Complessivamente, il Covid-19 ha contribuito a più di 40 milioni di nuovi casi di disturbi neurologici in tutto il mondo, ha dichiarato Al-Aly. "Stiamo riscontrando problemi cerebrali in individui precedentemente sani e anche tra coloro che hanno avuto infezioni lievi", ha detto Al-Aly. "Non importa se si è giovani o anziani, donne o uomini, né se si fuma o meno, o se si hanno altre abitudini o condizioni non salutari".

I ricercatori hanno analizzato circa 14 milioni di cartelle cliniche. Hanno creato un set di dati controllato di 154’000 persone che erano risultate positive al Covid-19 dal 1° marzo 2020 al 15 gennaio 2021. Hanno confrontato gli esiti neurologici dei guariti dal Covid-19 con quelli di altri due gruppi di persone non infettate dal virus, complessivamente oltre 11 milioni di individui.

I ricercatori hanno esaminato la salute del cervello del campione per un periodo di un anno. Le condizioni neurologiche hanno riguardato un 7% in più di persone guarite dal Covid rispetto a quelle di controllo.

Rispetto ai gruppi di controllo, le persone che hanno contratto il virus avevano un rischio maggiore del 77% di sviluppare problemi di memoria. Inoltre i ricercatori hanno notato un aumento del rischio di Alzheimer tra le persone infettate dal virus. Poi, rispetto ai gruppi di controllo, le persone affette dal virus avevano il 50% di probabilità in più di soffrire di ictus ischemico, l’80% di probabilità in più di soffrire di crisi epilettiche, il 43% di probabilità in più di sviluppare disturbi mentali come ansia o depressione, il 35% di probabilità in più di soffrire di mal di testa da lievi a gravi e il 42% di probabilità in più di disturbi del movimento.

I soggetti affetti da Covid-19 avevano anche il 30% di probabilità in più di problemi agli occhi, come visione offuscata, secchezza e infiammazione della retina, e il 22% di probabilità in più di sviluppare anomalie dell’udito, come acufeni o ronzii nelle orecchie.

"Il nostro studio fornisce un resoconto completo delle conseguenze neurologiche del Covid-19 un anno dopo l’infezione", ha concluso Al-Aly.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
7 ore
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
10 ore
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
18 ore
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
21 ore
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
21 ore
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
1 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
1 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
1 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
Netflix
1 gior
Wanna Marchi non è pentita, d’accordo?
Su Netflix c’è ‘Wanna’, storia della regina delle televendite in quattro puntate (dedicata a quelli che ‘una volta era meglio’)
© Regiopress, All rights reserved