laRegione
11.09.22 - 14:46
Aggiornamento: 17:01

Funziona il farmaco ‘jolly’ contro il cancro

Un nome quasi impronunciabile, larotrectinib, ma starebbe avendo molto successo nella terapia mirata antitumorale

Ats, a cura di Red.Web
funziona-il-farmaco-jolly-contro-il-cancro
Ti-Press
Ricercatori

Ha una efficacia rapida e duratura il farmaco antitumorale "jolly" larotrectinib. La terapia mirata antitumorale con indicazione agnostica, cioè indipendente dall’organo colpito dal cancro, e per questo ribattezzata "jolly", offre dunque un beneficio clinico rilevante. In particolare, nel carcinoma del polmone la sopravvivenza globale mediana ha raggiunto 40,7 mesi; nei tumori dell’adulto e pediatrici, esclusi i primitivi del sistema nervoso centrale, la durata della risposta è stata di 34,5 mesi e nel cancro delle ghiandole salivari il tasso di risposta è stato dell’84% con un tasso di sopravvivenza dell’82% a 3 anni.

"Il nuovo paradigma della lotta ai tumori si sta spostando dall’organo colpito dalla malattia all’alterazione molecolare, in grado di predire la sensibilità alle terapie mirate o all’immunoterapia – afferma Saverio Cinieri, presidente dell’Associazione italiana di oncologia clinica –. I farmaci agnostici come larotrectinib possono essere considerati ‘jolly’, proprio perché colpiscono in maniera selettiva alcune alterazioni geniche, indipendentemente dall’organo interessato dalla patologia. L’accesso dei pazienti alle terapie agnostiche inizia con l’esecuzione di un test di profilazione genomica per arrivare alla scelta terapeutica. Il punto chiave è rappresentato dalla profilazione genomica. Da qui deriva la scelta del farmaco e l’indicazione terapeutica, indipendentemente dalla sede del tumore".

I dati più recenti "continuano a dimostrare il solido e duraturo beneficio clinico di larotrectinib, anche nei pazienti adulti con tumore del polmone avanzato con fusione inclusi i pazienti con metastasi cerebrali – spiega Carmine Pinto, presidente della Federation of Italian Cooperative Oncology Groups – e anche in tumori per i quali le aspettative terapeutiche erano molto limitate. Garantire l’accesso ai test è pertanto fondamentale per potere permettere l’utilizzo di questi farmaci". Il finanziamento di 5 milioni per il 2022 e 2023 già previsto nella legge di Bilancio per questo tipo di test NGS (Next Generation Sequencing) e il relativo decreto attuativo in arrivo "sono un primo passo in questa direzione", conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
13 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
15 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
21 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
23 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
2 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved