laRegione
14.08.22 - 08:00

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone

Ats, a cura di Red.Web
le-ondate-di-calore-pesano-su-corpo-e-mente
Keystone
In cerca di refrigerio

I picchi di calore influiscono sulla salute fisica delle persone. Un fenomeno quest’anno accentuato dalla serie di ondate di calore senza precedenti di quest’estate, che pesa sulla mente di una popolazione che si confronta quotidianamente con immagini di incendi, fiumi prosciugati e alberi spogliati delle foglie.

Con il ritorno dell’ondata di calore in Francia questa settimana, l’agenzia per la salute pubblica Santé publique France (SpF) ha avvertito dei rischi di queste "ripetizioni ravvicinate delle ondate di calore" registrate da maggio.

"La gente è stanca", ha dichiarato Jean-Paul Hamon, medico di base a Clamart, vicino a Parigi. A causa del caldo, "dormono male" e non riescono a recuperare gli sforzi compiuti dal loro corpo per mantenere una temperatura interna funzionale.

Questa stanchezza può persino portare "all’esaurimento nelle persone anziane o in quelle che assumono diuretici o neurolettici, perché il loro sistema termoregolatore non funziona correttamente", spiega.

Cuscino nel congelatore

È difficile determinare i rischi di una situazione del genere, perché non ha precedenti, afferma Isabelle Bonmarin, medico responsabile della prevenzione delle ondate di calore presso la SpF. "È la prima volta che succede (...). Nel 2003 è durata a lungo, ma era solo un’onda. Poi ci sono stati anni con diverse ondate, ma distanziate tra loro".

I dati della SpF mostrano "un leggero aumento" delle visite al pronto soccorso, soprattutto per le persone di età superiore ai 75 anni. Non sono ancora note le cifre relative alla possibile mortalità.

I professionisti della salute stanno osservando una diminuzione dei colpi di calore, che ritengono sia legata all’utilizzo delle raccomandazioni sanitarie, ovvero rimanere idratati e freschi. "Ho persino un paziente che mette il suo cuscino nel congelatore", sorride Jean-Paul Hamon.

Paura della perdita di autonomia

Sulla scala dell’Ospedale Universitario di Nizza, "non abbiamo riscontrato un eccesso massiccio di mortalità", indica Olivier Guérin, responsabile dell’unità geriatrica, che tuttavia invita alla cautela. "Sappiamo che l’intensità del calore e la durata dell’onda giocano un ruolo importante. Ma per la successione degli episodi, non lo sappiamo davvero".

Le persone molto anziane potrebbero quindi subire una "perdita di autonomia", afferma Pierre Hausfater, primario del pronto soccorso dell’ospedale Pitié Salpêtrière di Parigi, che segnala un aumento dei casi di cadute in casa nelle ultime settimane.

Tuttavia, il medico d’urgenza vuole credere in una possibile "acclimatazione" dei corpi dei meno anziani. "Quando si arriva in un Paese molto caldo, si suda molto i primi giorni, ma dopo qualche settimana si suda meno, perché le cellule si adattano".

Ansia crescente

Tuttavia, oltre all’indebolimento fisico, i medici hanno osservato un aumento della stanchezza mentale. Claude Bronner, medico di base a Strasburgo, afferma: "Il problema principale è di natura psicologica.

"C’è un’ansia crescente di fronte a una situazione che peggiora sempre di più", afferma il dottor Bronner, vicepresidente dell’Union Généraliste, un ramo della federazione francese dei medici. Egli sottolinea l’effetto ansiogeno del trattamento mediatico dell’ondata di calore. "Siamo in una modalità molto catastrofica".

Anche Benoît Maydat, psicologo a Montélimar, dove nelle ultime settimane sono state superate temperature record, osserva il posto centrale che il clima insolito ha assunto nelle sue consultazioni. Questi fenomeni atmosferici colpiscono in particolare le persone che soffrono di disturbi ansiosi e depressivi, osserva.

Riaffiorano le paure primarie

"Durante la consultazione, un paziente ha detto: ‘Mi dà sui nervi’ – sottolinea –. Dopo Covid-19 e la guerra in Ucraina, l’apparato psichico è in rosso".

Gli incendi, numerosi nella sua regione, e la siccità, che ha causato carenza d’acqua in alcuni villaggi, hanno "fatto rivivere paure primarie come quella di rimanere senza", spiega lo psicologo.

Per Morgane, 29 anni, residente a Nizza, il susseguirsi delle onde rimane "sopportabile". Ma "non pensiamo che sia bello morire di caldo da maggio a ottobre", dice. "Mi rendo conto che questo non è normale e ho l’impressione che la maggior parte delle persone non se ne renda ancora conto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno Film Festival
1 ora
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
8 ore
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
18 ore
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
21 ore
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
23 ore
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
1 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Scienze
1 gior
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
2 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
2 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
© Regiopress, All rights reserved