laRegione
06.08.22 - 20:30

In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua

Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza

Ats, a cura di Red.Web
in-arrivo-una-batteria-di-carta-usa-e-getta-si-attiva-con-acqua
Empa

Presto potrebbe diventare disponibile la batteria di carta usa e getta e la prova arriva direttamente dalla Svizzera. Essa si attiva semplicemente con qualche goccia d’acqua e potrebbe essere utilizzata per alimentare un’ampia gamma di dispositivi elettronici monouso a bassa potenza: dalle etichette intelligenti per il tracciamento di oggetti ai sensori ambientali, fino ai piccoli dispositivi diagnostici medici.

L’hanno descritta in uno studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ricercatori del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa), dimostrandone anche il funzionamento.

Essendo biodegradabile, l’uso della batteria permetterebbe di ridurre al minimo l’impatto ambientale dei dispositivi. La batteria è formata da almeno una cella di un centimetro quadrato, che consiste in tre diverse tipologie di inchiostri stampati su una piccola striscia di carta rettangolare. Su tutta la striscia viene applicato il sale di cloruro di sodio e una delle sue estremità più corte viene immersa nella cera.

Su un lato della carta viene stampato il primo inchiostro contenente scaglie di grafite, che funge da polo positivo della batteria, mentre sull’altro lato viene messo l’inchiostro contenente polvere di zinco, che funge da polo negativo. Infine, sopra entrambi viene stampato il terzo inchiostro, contenente scaglie di grafite e nerofumo (un pigmento), che ha il compito di collegare i due poli a due circuiti situati sull’estremità imbevuta di cera. È a questi due circuiti che può essere collegato il dispositivo.

I ricercatori, guidati da Alexandre Poulin, hanno realizzato una batteria formata da due celle base, attaccandola a una sveglia con display a cristalli liquidi. Due gocce d’acqua, dissolvendo il sale e consentendo così il rilascio di ioni carichi, hanno permesso alla batteria di attivarsi nel giro di 20 secondi e di alimentare la sveglia per circa un’ora. Dopo quel lasso di tempo la carta asciutta ha fatto calare nettamente la performance della batteria, ma l’aggiunta di altre due gocce d’acqua le ha permesso di continuare a funzionare per un’altra ora.

TOP NEWS Culture
Culture
9 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
17 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
1 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
2 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved