laRegione
13.07.22 - 10:46
Aggiornamento: 14.07.22 - 11:52

È grigionese una nuova specie di piccolo dinosauro marino

I paleontologi hanno rinvenuto i fossili nei pressi di Ducanfurgga. Si tratta di un pachipleurosauro di 50 centimetri vissuto 240 milioni di anni fa

Ats, a cura di Red.Web
e-grigionese-una-nuova-specie-di-piccolo-dinosauro-marino
Fonte: Swiss Journal of Palaeontology

I paleontologi hanno rinvenuto i fossili di un dinosauro marino finora ignoto sulle montagne grigionesi. Di soli 50 centimetri, è vissuto circa 240 milioni di anni fa sulle coste dell’oceano primordiale della Tetide, che all’epoca copriva gran parte della Svizzera.

Per molti anni i paleontologi hanno cercato fossili negli strati calcarei di 241 milioni di anni fa nei pressi di Ducanfurgga, a 2’740 metri di altitudine a sud di Davos. All’interno di questo speciale strato roccioso sono stati portati alla luce sei scheletri completi e ben conservati di "pachipleurosauri". Si tratta di rettili marini simili a lucertole, vissuti principalmente nel Triassico medio e poi estinti, probabilmente a causa di cambiamenti climatici e ambientali.

Come riferiscono i ricercatori guidati da Nicole Klein e Torsten Scheyer del Museo Paleontologico dell’Università di Zurigo nella rivista Swiss Journal of Palaeontology, gli esemplari scoperti nelle montagne dei Grigioni rappresentano un nuovo genere e una nuova specie di pachipleurosauro.

Collo e coda lunghi

"Due caratteristiche del cranio del nuovo pachipleurosauro sono davvero uniche", ha dichiarato il paleontologo Scheyer in un’intervista a Keystone-ATS. "L’osso nella parte superiore del cranio e quello nella punta del muso sono chiaramente diversi da quelli di altri pachipleurosauri".

La nuova specie è stata chiamata "prosantosaurus scheffoldi". Con una lunghezza del corpo di circa cinquanta centimetri, il rettile si distingue per il collo più lungo e la coda a guisa di serpente. L’aspetto ricorda i varani moderni.

Infilzare pesci e crostacei

In quanto carnivoro, il rettile marino si nutriva probabilmente di pesci e crostacei più piccoli, che poteva infilzare con i suoi denti aguzzi e poi ingoiare interi. Se i denti si rompevano, venivano sostituiti da denti di ricambio. Così spiega Scheyer.

I ricercatori sono riusciti a determinarlo grazie a una delle mascelle, ritrovata durante gli scavi, che apparteneva a un animale che stava cambiando i denti. Mentre alcuni denti della fila esterna erano già caduti, nella fila interna stavano già crescendo denti sostitutivi. Per la prima volta è stato possibile descrivere la permuta dei denti in una specie europea di pachipleurosauro, ha dichiarato Scheyer.

La sostituzione dei denti è nota anche in altri dinosauri, ma finora solo in una specie di pachipleurosauro proveniente dalla Cina. "È molto istruttivo studiare il processo del cambio dei denti in dettaglio", ha detto il paleontologo. "Se scopriremo la frequenza e la velocità con cui gli animali cambiavano i denti, potremo definire con maggior precisione i loro stile di vita e le loro tecniche di caccia".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
SALUTE
1 ora
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
3 ore
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
5 ore
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
6 ore
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
8 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
10 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
12 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
© Regiopress, All rights reserved