laRegione
gli-esseri-umani-cercano-amici-che-abbiano-il-loro-stesso-odore
Keystone
Una scena dell’opera ‘Il naso’ di Dmitri Shostakovich (Teatro dell’Opera di Zurigo, 14 settembre 2011)
26.06.22 - 07:00
Aggiornamento: 15:49
Ats, a cura de laRegione

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo

Si parla spesso di "chimica" tra persone che vanno subito d’accordo. Dietro questa frase potrebbe esserci una verità, secondo uno studio che mostra che le persone che condividono odori corporei simili hanno maggiori probabilità di diventare amici.

"I mammiferi terrestri non umani si annusano continuamente e, in base a questo, decidono chi sono i loro amici o nemici", scrive un gruppo di scienziati guidati dalla ricercatrice Inbal Ravreby del Weizmann institute of science in Israele. Il loro studio è stato pubblicato venerdì sulla rivista Science Advances.

Un ‘colpo di fulmine’

Poiché gli esseri umani cercano amici che gli somiglino, il team è partito dall’ipotesi che le persone si annusino per stimare gli odori corporei simili e per giudicare la compatibilità dell’amicizia. Per verificarlo, hanno raccolto campioni di amici dello stesso sesso che non avevano una relazione sentimentale e che hanno dichiarato di aver avuto un colpo di fulmine a livello di amicizia.

Hanno trovato venti coppie di amici, metà uomini e metà donne, di età compresa tra i 22 e i 39 anni. Per evitare la contaminazione degli odori, ai partecipanti è stato chiesto di evitare alcuni cibi e di dormire lontano dai loro partner e dai loro animali domestici con una maglietta di cotone che gli è stata fornita.

Le magliette sono state raccolte e analizzate con un "naso elettronico": una macchina che analizza la composizione chimica. I ricercatori hanno scoperto che gli odori di ogni coppia di amici erano generalmente più vicini rispetto a quelli di coppie di non amici generate a caso.

Nasi reclutati

Per verificare se i risultati della macchina corrispondevano alla percezione umana, il team ha reclutato dei "nasi". A queste persone è stato chiesto di annusare gli odori di due amici e di una terza persona e sono state in grado di identificare le coppie.

Un’altra ipotesi

Tuttavia, un’altra ipotesi potrebbe spiegare questa vicinanza olfattiva: gli amici trascorrono molto tempo insieme e condividono fattori comuni che influenzano il loro odore, come il luogo in cui vivono e ciò che mangiano.

Prevedere la compatibilità

I ricercatori hanno quindi voluto determinare se l’odore potesse prevedere la compatibilità di amicizia tra due persone che non si conoscono. Reclutando 17 sconosciuti, hanno scoperto che la somiglianza degli odori prediceva una buona chimica tra le due persone nel 77% dei casi... e, al contrario, una mancanza di chimica nel 68% dei casi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amici odori
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
7 ore
Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’
Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Culture
21 ore
Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo
Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
L'intervista
1 gior
Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’
La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
1 gior
Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio
Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
L'intervista
1 gior
Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig
La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
1 gior
Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)
‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
1 gior
Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker
L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
1 gior
Pardi per tre, una condanna alla selezione
Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
1 gior
Piero Angela e la gentilezza della scienza
Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
1 gior
Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’
La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
© Regiopress, All rights reserved