laRegione
dai-cambiamenti-climatici-15mila-virus-mai-visti-entro-il-2070
Keystone
27.04.22 - 17:09
Ats, a cura de laRegione

Dai cambiamenti climatici 15mila virus mai visti entro il 2070

Generazioni di virus sconosciuti potrebbero sorgere dai contagi incrociati fra specie che, senza la spinta del clima, non sarebbero mai venute a contatto

Dai cambiamenti climatici arriva anche una spinta a nuove generazioni di virus che potrebbero potenzialmente veicolare malattie mai viste: sono stimati in almeno 15’000 entro il 2070, contro i circa 10’000 attuali, i virus che potrebbero nascere da contagi incrociati fra specie che, senza la spinta del clima, non avrebbero mai potuto venire a contatto fra loro.

È lo scenario presentato sulla rivista Nature dalla ricerca coordinata dal biologo Colin Carlson, dell’americana Georgetown University.

Gli autori della ricerca ritengono che la previsione, di qui ai prossimi 50 anni, debba spingere fin da adesso a considerare la necessità di combinare la sorveglianza virologica con la valutazione dei cambiamenti che avvengono nelle nuove aree in cui molte specie potranno spostarsi in seguito ai cambiamenti climatici.

Questo, rilevano i ricercatori, è vero soprattutto nelle regioni tropicali, nelle quali attualmente ha origine la maggior parte delle malattie infettive che possono essere trasmesse dagli animali all’uomo.

La ricerca ha considerato il modo in cui le aree geografiche attualmente popolate da 3’870 specie di mammiferi potrebbero cambiare in relazione a diversi scenari da qui al 2070, nel caso di un aumento della temperatura globale inferiore a 2 gradi; applicando poi un modello relativo alla trasmissione di virus fra specie a un sottoinsieme di 3’139 animali, i ricercatori hanno elaborato la previsione sulle opportunità future di scambi di virus fra specie.

Occasioni di scambi simili sono naturalmente possibili ovunque nel mondo, ma sono particolarmente concentrate nelle aree densamente popolate dagli esseri umani, come l’Africa tropicale e il Sud-est asiatico. Ancora una volta, rilevano gli autori della ricerca, i protagonisti di queste contaminazioni potrebbero essere i pipistrelli, che costituiscono il serbatoio naturale di virus potenzialmente capaci di diventare trasmissibili all’uomo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cambiamenti climatici contagi incrociati virus
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
20 ore
Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’
Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Culture
1 gior
Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo
Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
L'intervista
1 gior
Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’
La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
1 gior
Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio
Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
L'intervista
1 gior
Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig
La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
1 gior
Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)
‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
1 gior
Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker
L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
1 gior
Pardi per tre, una condanna alla selezione
Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
1 gior
Piero Angela e la gentilezza della scienza
Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
2 gior
Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’
La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
© Regiopress, All rights reserved