laRegione
22.03.22 - 12:16
Aggiornamento: 14:44

La Svezia chiama. Ma i ricercatori svizzeri non rispondono

Dal Paese scandinavo la promessa di soldi e condizioni allettanti. Ma non bastano a indurre i ‘cervelli’ rossocrociati a far fagotto

Ats, a cura di Moreno Invernizzi
la-svezia-chiama-ma-i-ricercatori-svizzeri-non-rispondono
Keystone
La Svezia non attira

Soldi e condizioni allettanti non bastano. E così, di fronte alle allettanti proposte avanzate dalla Svezia, i ricercatori svizzeri hanno risposto di no. Al punto che i tentativi della Svezia di attirare i ricercatori attivi in Svizzera dopo l’inclusione della Confederazione a Orizzonte Europa solo quale Paese terzo associato, si sono rivelati un clamoroso flop: nessuno, per ora, ha infatti accettato di andarsene a Stoccolma, stando al Consiglio della ricerca del Paese scandinavo.

Per convincerli a far fagotto, la Svezia aveva promesso soldi e condizioni di ricerca allettanti, se non altro perché questo Paese è membro dell’Ue e quindi partecipa a pieno titolo al programma di ricerca (i ricercatori ricevono finanziamenti e possono dirigere i progetti). Dopo la retrocessione della Svizzera a Paese terzo, sul suo sito web il Consiglio per la ricerca svedese aveva scritto che gli atenei locali avevano ora l’occasione di reclutare ricercatori altamente qualificati, indicavano il mese scorso vari media svizzeri. Per la Svizzera, i potenziali scienziati che avrebbero potuto cedere alle lusinghe provenienti da nord erano una trentina. Tuttavia, l’istituzione competente svedese ha segnalato che non si è verificato alcun esodo proveniente dalla Confederazione.

Nel frattempo, nell’attesa che tra Berna e Bruxelles qualcosa si muova per consentire ai ricercatori attivi nella Confederazione di partecipare a pieno titolo al programma di ricerca europeo – 95 miliardi di euro, il maggiore programma di ricerca al mondo, ndr – la Confederazione ha deciso di finanziare in proprio queste persone. In concreto, i progetti elvetici che vincono una borsa di studio europea vengono finanziati direttamente da Berna.

Il 4 marzo, per esempio, il Consiglio federale aveva deciso di finanziare le Pmi e le start up svizzere innovative che potranno beneficiare di un sostegno alla promozione da parte all’Agenzia svizzera per la promozione dell’innovazione (Innosuisse), visto che sono escluse da quello europeo. Poiché Berna partecipa al programma di ricerca dell’Ue solo come Stato terzo, le Pmi e le start up elvetiche non hanno accesso ad "Accelerator", lo strumento di promozione del Consiglio europeo dell’innovazione (Eic).

Lo scorso anno il Parlamento aveva deciso di introdurre nella legge una disposizione che consente a Innosuisse di realizzare un proprio programma di sostegno. Il governo aveva così stanziato i fondi riguardanti i bandi 2022.

Il 20 ottobre 2021, lo stesso Consiglio federale aveva deciso di finanziare direttamente con 400 milioni di franchi i ricercatori svizzeri onde consentire loro di partecipare a "Orizzonte Europa" 2021-2027. Il finanziamento diretto è stato istituito con il decreto federale sul pacchetto Orizzonte 2021-2027 del 2020 e copre tutte le parti del programma, tra cui "Orizzonte Europa", il programma Euratom, il programma Digital Europe (Dep) e la partecipazione all’infrastruttura di ricerca Iter.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Illustrazione
13 ore
Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin
Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
Sanremo
14 ore
Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’
I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
15 ore
La pittura di genere e la sua funzione civile
Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
16 ore
Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo
Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
Musica
19 ore
‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’
Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
21 ore
L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta
Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
21 ore
Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi
Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
1 gior
La mafia? Va spiegata ai più giovani
Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
1 gior
È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno
In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
Società
1 gior
Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata
Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
© Regiopress, All rights reserved