laRegione
16.02.22 - 18:06

Scoperto il Big bang cellulare della sclerosi multipla

Lo studio, guidato dall’Università di Zurigo e pubblicato su Nature, ha permesso di districare fattori genetici della sclerosi da quelli ambientali

scoperto-il-big-bang-cellulare-della-sclerosi-multipla
Le cause della malattia restano ancora poco chiare

C’è una sorta di “Big bang” cellulare all’origine della sclerosi multipla: è scatenato da cellule del sistema immunitario che, a causa di una errata comunicazione, si attivano in modo eccessivo e causano i danni alla base della malattia. Lo studio, guidato dall’Università di Zurigo e pubblicato sulla rivista Nature, ha permesso per la prima volta di districare i fattori genetici della sclerosi da quelli ambientali, grazie alla partecipazione di 61 coppie di gemelli omozigoti.

La sclerosi multipla è un’infiammazione cronica del sistema nervoso centrale causata dallo stesso sistema immunitario della persona, che attacca cervello e midollo spinale portando, tra le altre cose, a deficit cognitivi e motori, danneggiamento della vista e disturbi sensoriali. Le cause della malattia restano ancora poco chiare, ma diversi fattori di rischio sia genetici che ambientali sono stati collegati a essa. Per cercare di sbrogliare la matassa, il gruppo di ricerca guidato da Florian Ingelfinger ha reclutato 61 coppie di gemelli omozigoti, quindi identici dal punto di vista genetico, in cui solo uno dei due è affetto da sclerosi multipla. “Nonostante anche i gemelli sani siano portatori nel loro Dna della variante genetica che è fattore di rischio per la malattia, non ne presentano alcun segno”, ha osservato Lisa Ann Gerdes, dell’Università Ludwig Maximilian di Monaco, una delle autrici dello studio. Questo ha permesso di escludere dall’equazione i fattori genetici e di concentrarsi esclusivamente su quelli ambientali. “Abbiamo usato le tecniche più avanzate nel campo della genetica unite ad algoritmi d’intelligenza artificiale – prosegue Gerdes – per identificare non solo le caratteristiche delle cellule immunitarie, ma anche per decodificare tutti i geni che sono attivi all’interno di queste cellule”.

In questo modo, i ricercatori hanno scoperto che la maggiore differenza tra sistema immunitario di gemelli sani e gemelli malati sta nei recettori delle citochine, le molecole che le cellule immunitarie usano per comunicare tra loro: in chi è affetto da sclerosi, una eccessiva sensibilità a certe citochine porta a una maggiore attivazione delle cellule T del sistema immunitario, le quali hanno poi maggiori probabilità di migrare fino al sistema nervoso centrale e fare danni. “Potremmo aver scoperto il Big bang cellulare della sclerosi multipla”, ha commentato Burkhard Becher, uno dei ricercatori: “Queste cellule sono pronte a trasformarsi in nemici del corpo”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
11 ore
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
12 ore
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
20 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
1 gior
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
1 gior
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
© Regiopress, All rights reserved