laRegione
02.02.22 - 15:35

Importante scoperta per l’immunità di lunga durata

La ricerca è stata condotta da Onur Boyman, immunologo dell’ospedale universitario di Zurigo

importante-scoperta-per-l-immunita-di-lunga-durata
Ti-Press

Ricercatori zurighesi hanno identificato sui cosiddetti linfociti T della memoria un’impronta molecolare che può essere utilizzata per stimare la protezione immunitaria a lungo termine contro il Sars-Cov-2, e per di più già durante la fase di infezione acuta. I risultati dello studio, pubblicati nella rivista scientifica “Nature”, potrebbero essere utilizzati per valutare in maniera specifica l’immunizzazione dopo la vaccinazione o l’infezione. «Se la ‘firma’ molecolare in questione non può essere rilevata durante un’infezione, si potrebbe vaccinare il paziente dopo che la malattia si è placata», spiega il professor Onur Boyman, l’immunologo dell’ospedale universitario di Zurigo che ha guidato la ricerca. E se l’impronta non appare dopo una vaccinazione, si potrebbero somministrare più dosi di vaccino o aggiustarne gli ingredienti «fino a quando non vediamo la firma molecolare», aggiunge lo specialista.

Gli anticorpi sono solo una parte dell’arsenale del sistema immunitario. I linfociti T e B sono altrettanto importanti: non combattono direttamente il virus, ma riconoscono le cellule infette e le distruggono. Una volta sconfitto il virus, la stragrande maggioranza di queste cosiddette cellule killer muore e viene eliminata al termine della risposta primaria. Solo poche sopravvivono e maturano in cellule di memoria a lunga vita. Questa memoria immunologica costituisce poi la base per la risposta immunitaria secondaria. In caso di successivo contatto con un agente patogeno già incontrato in passato possono combattere il virus in modo rapido ed efficace.

Cellule di memoria a lunga vita

I ricercatori zurighesi hanno esaminato i campioni di sangue di 175 persone, dalla fase acuta del Covid-19 fino a un anno dopo. Sono così riusciti a studiare le cellule citotossiche T del tipo Cd8+ specifiche per il Sars-Cov-2. E hanno scoperto un’impronta molecolare specifica che consente a questi linfociti T di diventare cellule di memoria a lunga vita, e di non morire dopo che l’infezione acuta è scemata. Tale ‘firma’ permette quindi di valutare la protezione immunitaria a lungo termine ed eventualmente adattare le vaccinazioni.

Secondo il professor Onur Boyman, la formazione di queste cellule T di memoria è verosimilmente responsabile del fatto che i vaccini attualmente disponibili offrono anche un alto livello di protezione contro ricoveri e decessi per la variante Omicron. «Questo perché le singole mutazioni sulla proteina spike del coronavirus giocano un ruolo minore per le cellule T CD8+ che per gli anticorpi», precisa l’immunologo.

Questa ricerca, a cui hanno contribuito anche i ricercatori dell’Eth, dovrebbe fornire una migliore comprensione di come si forma la memoria immunitaria contro la Sars-Cov-2, e perché persiste a lungo termine in alcuni pazienti e non in altri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Sogno o son Festival
1 ora
Sanremo, le canzoni ‘Made in Italy’ (le pagelle, seconda serata)
Colapesce Dimartino una certezza, Rosa Chemical un martello, Tananai ebbene sì. La classifica dopo le prime due serate: Mengoni, sempre Mengoni
Arte
17 ore
Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.
Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Sanremo
20 ore
Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)
Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
20 ore
La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi
A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
21 ore
‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità
A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
22 ore
La solitudine di Ulisse e la cecità umana
Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
23 ore
Giorgia e Sanremo, parole dette bene
Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo s’è desta, Blanco devasta
Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)
Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior
Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)
Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
© Regiopress, All rights reserved