laRegione
10.09.21 - 16:22

I boschi svizzeri crescono, ma in modo diseguale

Il centro geografico delle foreste svizzere si è spostato di 460 metri fra il terzo e il quarto Inventario forestale nazionale

Ats, a cura de laRegione
i-boschi-svizzeri-crescono-ma-in-modo-diseguale

La superficie boschiva svizzera non aumenta ovunque in modo uguale. Il suo centro geografico si è spostato di 460 metri verso est-sud-est fra il terzo e il quarto Inventario forestale nazionale. Si trova ora sull'alpe di Älggi a Sachseln (OW).

La superficie boschiva della Svizzera aumenta poiché in molti luoghi l'agricoltura di montagna è stata abbandonata. Il segno più chiaro di questa tendenza è lo spostamento del suo centro geografico.

Lo conferma l'Inventario forestale nazionale (Ifn), realizzato congiuntamente dall'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (Wsl) e dall'Ufficio federale dell'ambiente (Ufam). L'Ifn registra lo stato e l'evoluzione del bosco svizzero da 40 anni, hanno indicato le due istituzioni oggi in un comunicato congiunto.

Dagli anni 1980, il centro geografico del bosco si è spostato di 3,2 chilometri verso est-sud-est. La valutazione del quarto Ifn (2009-2017) lo colloca ora sull'alpe di Älggi a Sachseln.

Curiosamente il nuovo centro del bosco si trova quindi non lontano dal centro geografico della Svizzera, nel cantone di Obvaldo.

Più superficie boschiva nelle Alpi

La superficie boschiva è aumentata di circa 300 chilometri quadrati in tutta la Svizzera dall'inizio degli anni 2000. Nell'Altopiano e nel Giura, è rimasta immutata in questo periodo grazie alla legge sui boschi che garantisce che non sia invasa.

Nelle Prealpi e sul versante sud delle Alpi, è aumentata un po', ma è nelle Alpi che si assiste alla più grande progressione, con il 5%. Qui sono nati il 70% o 210 dei 300 chilometri quadrati di nuova foresta.

La maggior parte dell'estensione del bosco ha avuto luogo sopra i 1'400 metri, e la metà sopra i 1'800 metri, nei pascoli alpini intermedi e superiori.

Terre abbandonate in Ticino

Il centro del bosco si è tuttavia spostato molto più lentamente nelle misurazioni più recenti rispetto ai periodi precedenti, cioè solo di 60 metri all'anno invece di 130 metri.

In Ticino, in particolare, non ci sono più molte aree aperte che possono essere colonizzate dal bosco. I contadini lì hanno già abbandonato da decenni i terreni di difficile accesso e non redditizi.

Per Christoph Fischer, viceresponsabile del programma Ifn, il fatto che la superficie boschiva nell'Altopiano non sia cambiata dal primo inventario, e più precisamente che non sia diminuita, è molto positivo.

"Questa stabilità è il risultato della rigorosa protezione del bosco ed è una vera fortuna per la popolazione, perché in questo modo, queste aree di svago e ricreazione rimangono rapidamente accessibili a tutti", conclude lo specialista, citato nel comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
2 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
22 ore
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
2 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
3 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
© Regiopress, All rights reserved