laRegione
14.07.21 - 08:54
Aggiornamento: 13:04

L'alcol causa 740'000 tumori l'anno nel mondo, 1'900 in Svizzera

Si tratta del 6% del totale. Lo rivela uno studio globale pubblicato su Lancet Oncology. I casi più frequenti riguardano esofago, fegato e seno.

Ats, a cura de laRegione
l-alcol-causa-740-000-tumori-l-anno-nel-mondo-1-900-in-svizzera
Ti-Press

Oltre 740'000 nuovi casi di tumore ogni anno sono causati dall'alcol, il 4% di tutti i nuovi casi di cancro; non solo il consumo eccessivo, ma anche quello moderato (1-2 bicchieri al giorno) porta al cancro, con oltre 103'000 nuovi casi stimati per il 2020 associati a questi livelli di consumo. Lo rivela uno studio globale pubblicato sulla rivista "Lancet Oncology".

Le zone più colpite sono l'Asia orientale e l'Europa centrale e orientale, dove il 6% di tutti i nuovi tumori si sviluppa a causa del consumo di alcol. I tassi più bassi si registrano in Asia occidentale e in Nord Africa.

In Svizzera, il consumo di alcol è responsabile di circa 1900 nuovi casi di cancro (4%). In termini percentuali, la Svizzera è quindi su un livello simile a quello della Germania, della Gran Bretagna e del Brasile, per esempio.

I tumori più comuni attribuibili all'alcol sono quello dell'esofago (189'700 casi l'anno), del fegato (154'700 casi) e del seno (98'300 casi), seguiti dai tumori del colon-retto, bocca e gola.

"C'è un urgente bisogno di accrescere la consapevolezza del legame tra alcolici e cancro sia tra la popolazione sia tra i decisori. Strategie di salute pubblica come ridurre la disponibilità di alcolici ed etichettare gli alcolici con messaggi di avvertimento (come sui pacchetti di sigarette) potrebbero ridurre i casi di tumore alcol-correlati", spiega Harriet Rumgay dell'International Agency for Research on Cancer (Iarc) con sede in Francia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
10 ore
Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’
Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
1 gior
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
1 gior
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
1 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
2 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
2 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
2 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
3 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
© Regiopress, All rights reserved