laRegione
11.07.21 - 11:42

Turismo spaziale: pronti, partenza... Virgin Galactic

Il primo volo del veicolo verrà effettuato oggi pomeriggio, con a bordo otto turisti. Un sogno che si trasforma in realtà, per il miliardario Branson

Ansa, a cura de laRegione
turismo-spaziale-pronti-partenza-virgin-galactic
Equipaggio in fermento (foto Keystone)

"Sono sempre stato un sognatore", ha twittato Richard Branson, il miliardario fondatore della Virgin Galactic che si prepara ad affrontare il suo primo volo suborbitale alle 15, ora svizzera, di oggi. "Sarà quello in momento in cui trasformerò il sogno in realtà", ha scritto ancora su Twitter. Ha ragione a parlare in prima persona perché, degli otto turisti spaziali che hanno volato finora, è il primo ad affrontare un volo a bordo di un suo veicolo, nel quale ospita dei passeggeri.

Battuto sul tempo di appena nove giorni, si prepara a fare la stessa cosa un altro miliardario, Jeff Bezos, che il 20 luglio ha in programma di partire con la New Shepard, la navetta costruita dalla sua azienda, la Blue Origin.

È stata una corsa all'annuncio più clamoroso, nella quale il fondatore di Amazon ha puntato prima su una data memorabile, il 20 luglio simbolo dello sbarco sulla Luna, e poi ha giocato la sua carta più originale: la pioniera dell'aviazione Wally Funk, 82 anni, sarebbe stata fra i suoi passeggeri.

Il primo a volare, però, sarà Branson e le immagini delle tute azzurre che sanno di futuro che indosserà il suo equipaggio hanno già fatto il giro del mondo. A bordo ci saranno i piloti Dave MacKay e Michael Masucci, l'istruttrice Beth Moses, l'ingegnere Colin Bennett e la vicepresidente della Virgin per gli Affari governativi e la ricerca Sirisha Bandla.

In nessuno dei due casi sarà un volo fra le stelle: Branson e Bezos raggiungeranno lo spazio, ma intersecando la loro traiettoria con quella dell'atmosfera per poi rientrare a Terra. La novità è che lo faranno con i loro mezzi, segnando un cambiamento radicale a 20 anni dal primo volo di un turista spaziale.

Un biglietto, fra i 250 e i 500mila dollari

Il primo a pagare un biglietto per andare nello spazio era stato il miliardario americano Dennis Tito, che il 28 aprile 2001 era partito con una navetta russa Soyuz alla volta della Stazione Spaziale, a bordo della quale era rimasto per otto giorni. Hanno acquistato un costosissimo seggiolino della Soyuz, spendendo come minimo 20 milioni di dollari, anche i sette successori di Tito, fra i quali l'imprenditrice di origine iraniana Anousheh Ansari, finora l'unica donna nel breve elenco dei turisti spaziali. Il soggiorno più lungo sulla Stazione Spaziale (13 giorni), è stato quello dell'americano Richard Garriott e l'ultimo ad avere una camera con vista sulla Terra è stato nel 2009 il canadese Guy Laliberté, uno dei fondatori del Cirque du Soleil.

Da allora una lunghissima pausa imposta dall'uscita di scena dello Space Shuttle, che aveva fatto della Souyz l'unico mezzo per portare uomini nello spazio e garantire l'avvicendamento degli equipaggi sulla Stazione Spaziale. Le cose sono cambiate con l'arrivo dei privati, a partire dalla collaborazione con la Nasa della SpaceX di Elon Musk, ma non solo: imprenditori come Branson e Bezos hanno deciso d'investire nel turismo spaziale e nei mezzi per realizzarlo.

Il turismo spaziale è ancora per pochi, considerando che secondo stime recenti il costo di un biglietto potrebbe aggirarsi fra 250'000 e 500'000 dollari, ma missioni come quelle di Branson e Bezos sono il primo passo verso qualcosa di diverso, che nel giro di pochi anni potrebbe rendere i voli suborbitali molto più comuni ee economicamente accessibili di quanto non lo siano oggi.

Leggi anche:

Turismo spaziale, si riparte! Pronta la nuova navetta

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
6 ore
A New York la palma di città più cara al mondo
La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
8 ore
A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok
Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
14 ore
Il cinema, la Valle, la Finlandia
Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
16 ore
Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole
La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Culture
1 gior
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
1 gior
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
© Regiopress, All rights reserved