laRegione
07.07.21 - 18:01

È morto Richard Lewontin, pioniere della genetica delle popolazioni

Il biologo evoluzionista statunitense era conosciuto per i suoi studi sulla variabilità genetica umana, criticando i lavori sul legame tra razza e intelligenza

Ansa, a cura de laRegione
e-morto-richard-lewontin-pioniere-della-genetica-delle-popolazioni

È morto lo scorso 4 luglio, a Cambridge, Richard Lewontin, genetista e biologo evoluzionista statunitense, uno dei pionieri della genetica delle popolazioni. A darne la notizia l'Accademia nazionale dei Lincei, di cui era socio. Nato a New York il 29 marzo 1929, Lewontin si laureò prima nel 1951 in Biologia all'università di Harvard, poi in Statistica matematica nel 1952, per poi conseguire il dottorato in Zoologia alla Columbia University, dove fu allievo del genetista Theodosius Dobzhansky. Dopo aver insegnato in varie universitá, dal 1973 è stato docente di Zoologia e di Biologia all'università di Harvard. Socio dell'Accademia Nazionale dei Lincei, Lewontin ha avuto un ruolo guida nello sviluppo delle basi matematiche della genetica delle popolazioni e della teoria dell'evoluzione, ed è stato uno dei primi ad applicare tecniche di biologia molecolare, come l'elettroforesi su gel, per lo studio di problemi di variazione ed evoluzione genetica. "La sua influenza internazionale, ma anche la sua costante partecipazione a iniziative italiane, lo hanno reso un attore vivace nel panorama culturale nazionale, anche per temi socialmente rilevanti", ha ricordato Giorgio Parisi, presidente dei Lincei. Tra le sue numerose opere vanno ricordati i due articoli del 1966, pubblicati con J.L. Hubby sulla rivista Genetics, con cui ha contribuito a porre le basi della moderna disciplina dell'evoluzione molecolare, e il volume 'La base genetica del cambiamento evolutivo'. In un suo articolo Lewontin mostrò che la maggior parte della variazione (80-85%) tra le popolazioni umane si verifica all'interno di gruppi geografici locali, e che le differenze attribuibili ai tradizionali gruppi razziali costituiscono una parte minore della variabilità genetica umana (fino al 15%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Distopie
3 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
13 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
15 ore
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
22 ore
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
1 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
2 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
2 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
© Regiopress, All rights reserved