laRegione
05.07.21 - 19:18

La riserva boschiva Bödmeren si trasforma in foresta vergine

La riserva boschiva di Bödmeren, nel canton Svitto, con sempre più legno morto, importante per la biodiversità, stando all'ultimo inventario forestale dell'Istituto federale di ricerca WSL.

Ats, a cura de laRegione
la-riserva-boschiva-bodmeren-si-trasforma-in-foresta-vergine

Il bosco di Bödmeren, situato su un altopiano a oltre 1500 m, è una delle 50 riserve in Svizzera oggetto di studi scientifici. Nel 1971 una parte di cinque ettari è stata posta sotto protezione, terminando l'utilizzo del legno. Dopo diversi ampliamenti, la superficie protetta ammonta oggi a 463 ettari, pari a più di 500 campi da calcio, indica oggi una nota del WSL.

Stando all'ultimo inventario, in 44 anni il volume legnoso medio è aumentato della metà, passando da 187 a 280 metri cubi per ettaro. Pur avendo abbattuto molti alberi anche nel bosco di Bödmeren, la tempesta Vivian del 1990 non è stata in grado di interrompere il trend positivo.

Inoltre, sempre più alberi (attualmente circa 3,5 per ettaro) sono diventati dei giganti con un imponente diametro medio del fusto pari o superiore a 80 cm. Il legno morto costituisce pure un importante substrato per la biodiversità. In questa riserva boschiva ne sono presenti 52 m3/ha, di cui tre quarti composti da fusti a terra e una quota notevole di legno morto in avanzata decomposizione, precisa il WSL.

Queste cifre rimangono inferiori a quelle dei boschi primordiali situati in regioni climaticamente simili (Alpi, Carpazi). Ciò può essere riconducibile al fatto che l'economia alpestre ha utilizzato per lungo tempo il legno proveniente da questo tipo di foreste, spiega ancora il WSL.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
7 ore
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale.
Scienze
18 ore
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
19 ore
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
1 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
2 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
2 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
3 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
3 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
© Regiopress, All rights reserved