laRegione
03.06.21 - 15:28
Aggiornamento: 15:52

100'000 miliardi di litri di acqua potabile persi ogni anno

I grandi ghiacciai dell'Himalaya e dell'Alaska si sono ridotti del 5% negli ultimi 10 anni

Ats, a cura de laRegione
100-000-miliardi-di-litri-di-acqua-potabile-persi-ogni-anno
Tra il 2010 e il 2019 il Golfo dell'Alaska ha perso 76 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno (Keystone)

Roma – I grandi ghiacciai dell'Himalaya e dell'Alaska si sono ridotti del 5% in 10 anni: una perdita di circa 100.000 miliardi di litri di acqua potabile ogni 12 mesi. Lo indicano i dati pubblicati sulla rivista The Cryosphere grazie alle rilevazioni fatte dal satellite Cryosat 2, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), nato per monitorare lo spessore dei ghiacci marini.

Tenere d'occhio la perdita dei ghiacci presenti sulle montagne è fondamentale per capire l'evoluzione di queste preziosissime riserve di acqua potabile: dalla sola catena himalayana dipendono ad esempio centinaia di milioni di persone, ma allo stesso tempo rappresenta una difficilissima sfida tecnologica.

Dislivelli di vario tipo, ostacoli e la presenza di rilievi rocciosi nascosti sotto neve e ghiacci rendono estremamente complicato misurare la quantità di acqua accumulata nelle zone montane. Ma l'altimetro radar a bordo di Cryosat 2, una sorta di 'ecoscandaglio' capace di vedere attraverso le masse nevose, ha permesso di realizzare in questi anni delle dettagliatissime mappe delle più alte catene montuose dell'Asia e dell'Alaska e seguirne così l'evoluzione nel tempo.

Ne è emerso che tra il 2010 e il 2019, il Golfo dell'Alaska ha perso 76 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno mentre le alte montagne dell'Asia ne hanno perse 28 l'anno. Scioglimenti che hanno contribuito a un innalzamento dei mari di rispettivamente 0,21 mm e 0,05 mm e un totale di 100.000 miliardi di litri di acqua potabile dispersa ogni anno.

Lo studio dei ghiacci montani era solo un obiettivo secondario di Cryosat 2, pensata principalmente per monitorare i ghiacci marini, ma proprio per lo studio di queste fondamentali riserve di acqua potabile è in corso di progettazione la missione Cristal, una delle nuove sentinelle europee del programma Copernicus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
29 min
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
53 min
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
5 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
7 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
© Regiopress, All rights reserved