laRegione
06.05.21 - 13:01
Aggiornamento: 18:08

Dai sotterranei del museo emergono i dinosauri del San Giorgio

I fossili di cinque esemplari inediti di ittiosauri, rettili acquatici di 240 milioni di anni fa, arrivano tutti dal Monte San Giorgio

dai-sotterranei-del-museo-emergono-i-dinosauri-del-san-giorgio
Lo scheletro fossile di un ittiosauro al Museo di Storia Naturale di Londra (Depositphotos)

Altro che avventurosi scavi in giro per il mondo: in tempo di restrizioni anti-Covid, i paleontologi non fanno più le loro scoperte sul campo, ma nei sotterranei dei musei.

È infatti dalle collezioni dei musei di storia naturale di Milano, Zurigo e Tubinga, che sono riemersi i resti di cinque esemplari inediti di ittiosauri, antichi rettili acquatici dal muso lungo e stretto vissuti prima dei dinosauri, 240 milioni di anni fa.

Appartenenti alla specie Besanosaurus leptorhynchus, arrivano tutti dal giacimento di Besano-Monte San Giorgio e rappresentano diversi stadi di crescita: dal più giovane, lungo poco più di un metro, fino al più anziano di ben otto metri, un record tra i rettili marini predatori del Triassico medio. La scoperta è pubblicata sulla rivista Peer J da un gruppo internazionale coordinato da Cristiano Dal Sasso, paleontologo del Museo di Storia Naturale di Milano.

"Gli ittiosauri del Triassico Medio sono rari nel mondo e in gran parte di piccole dimensioni", spiega l'esperto. "Discendono da antenati terrestri simili a lucertole, da cui hanno ereditato le zampe poi trasformate in pinne per nuotare".

I cinque nuovi esemplari, estratti dal Monte San Giorgio a cavallo tra le due guerre mondiali, sono quasi del tutto inediti: tre non erano mai stati descritti prima, mentre due erano stati attribuiti erroneamente alla specie Mikadocephalus gracilirostris.

In realtà appartengono tutti alla specie Besanosaurus leptorhynchus, descritta per la prima volta nel 1996 da Cristiano Dal Sasso e Giovanni Pinna sulla base del primo esemplare (una femmina gravida con un embrione nel ventre) rinvenuto quasi trent'anni fa a Besano (Varese) durante scavi sistematici condotti dal museo di Milano, lo stesso dove oggi si trova esposto.

"Nessuno immaginava che nelle collezioni dei musei ci fossero altri ittiosauri di questa specie non ancora identificati, tra cui uno di ben otto metri: un record tra i predatori marini di quel periodo geologico", afferma Dal Sasso.

"I nuovi esemplari conservano tutti le ossa del cranio e permettono dunque una conoscenza più completa dell'anatomia e delle abitudini alimentari di Besanosaurus leptorhynchus. Studiare questi fossili è stata una bella sfida, perché sono stati deformati dal tempo e dalla pressione delle rocce all'interno di strati sottili, spessi poche decine di millimetri. Grazie alle Tac (eseguite anche all'Ospedale Maggiore di Milano) e alla fotogrammetria, è stato possibile vedere le ossa nascoste o sovrapposte e ricostruire le scatole craniche in 3D".

"Il rostro estremamente lungo e sottile - precisa Gabriele Bindellini dell'Università Statale di Milano, primo autore dello studio - suggerisce che Besanosaurus si nutrisse di piccole prede veloci", antichi parenti dei calamari e piccoli pesci che catturava con rapidi movimenti della testa.

Attingeva dunque "a un livello più basso della catena alimentare rispetto a un predatore apicale". Questa nuova specializzazione ecologica "avrebbe innescato un aumento di taglia e abbassato la competizione tra le diverse specie di ittiosauri che coabitavano questa parte dell'Oceano di Tetide".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
8 ore
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
21 ore
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
1 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
2 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
© Regiopress, All rights reserved