laRegione
14.04.21 - 13:12
Aggiornamento: 15:18

Ibsa Foundation Fellowship 2020: ecco i cinque vincitori

Ospite d'onore della consegna delle borse di studio, Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas.

ibsa-foundation-fellowship-2020-ecco-i-cinque-vincitori
I vincitori

5 aree terapeutiche, 162 progetti candidati provenienti da tutto il mondo, 5 borse di studio per un valore totale di 150mila euro. Sono i numeri dell'ottava edizione delle Fellowship di Ibsa Foundation per la ricerca scientifica che ogni anno sostiene i percorsi di ricerca di giovani ricercatori sotto i quarant'anni, provenienti da Università e Istituti di qualsiasi parte del mondo, distintisi per le loro capacità e per progetti particolarmente rilevanti che potrebbero in futuro cambiare il trattamento di particolari patologie.

“Siamo molto orgogliosi del successo ottenuto dall'edizione di quest'anno, testimoniato dal record di candidature ricevute, tutte caratterizzate da un altissimo livello di qualità e valore scientifico dei progetti di ricerca”, commenta Silvia Misiti, Direttore di Ibsa Foundation. “La risposta che riceviamo dai giovani ricercatori, il loro entusiasmo e la loro dedizione, sono per noi lo stimolo a continuare su questo percorso di promozione e sostegno del talento. Siamo convinti che da questo dipenda anche la nostra salute ed è questo che più di tutto ci ha insegnato l'ultimo anno segnato dalla pandemia: investire nella ricerca e nell’innovazione medico-scientifica significa trovare nuove risposte alle sfide ancora aperte nell'ambito della salute”.

Questi i vincitori dell'edizione 2020, che riceveranno la borsa di studio del valore di 30mila euro ciascuno:

  • Dermatologia - Akiko Omori, Dip. di Biologia, Istituto Veneto di Medicina Molecolare (VIMM), Università degli Studi di Padova. Progetto di ricerca: "Esplorare il ruolo dei cambiamenti della morfologia mitocondriale nelle cellule staminali del melanoma"
  • Endocrinologia - Jan Kroon, Dip. Medicina Interna, Endocrinologia, Leiden University Medical Center. Progetto di ricerca: "Trattamento farmacologico con glucocorticoidi disintossicanti: L'identificazione dei partner di segnalazione che causano effetti collaterali"
  • Fertilità e Urologia: Sara Carmela Credendino, Dip. di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche, Università degli Studi di Napoli Federico II. Progetto di ricerca: "Effetti diretti e transgenerazionali del benzo[a]pirene, un comune inquinante ambientale, sulla fertilità del topo"
  • Medicina del Dolore, Ortopedia e Reumatologia - - Anna Gryadunova, Dip. di Biomedicina, Laboratorio di Ingegneria Cartilaginea, Università di Basilea. Progetto di ricerca: "Nanoghosts come piattaforma di consegna del gene per componenti CRISPR nella riparazione del disco intervertebrale"
  • Edizione speciale “Infezioni da Coronavirus" - Yingying Cong, Dip. di Scienze Biomediche Cellulare e dei Sistemi Biologici, University Medical Center Groningen. Progetto di ricerca "Uccidere i coronavirus colpendoli al cuore".

A partecipare in qualità di ospite d'onore alla cerimonia di assegnazione delle borse di studio, sarà il Prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico dell'Istituto Clinico Humanitas e Professore Emerito di Patologia Generale all'Humanitas University, riferimento a livello nazionale e internazionale nell'ambito dell'immunologia in ambito oncologico. L'evento sarà trasmesso in diretta streaming oggi, mercoledì 14 aprile, alle 15 (CET) sui canali Facebook e YouTube di Ibsa Foundation.

Il progetto Fellowship di IBSA Foundation proseguirà anche nel 2021 con un nuovo bando che consentirà ad altri giovani ricercatori di proseguire la propria attività di ricerca. Sono quindi messe a disposizione 6 nuove borse di studio del valore di 30mila euro ciascuna nelle aree scientifiche della dermatologia, endocrinologia, fertilità/urologia, medicina del dolore/ortopedia/reumatologia e l'edizione speciale 2021 riguarderà invece l'ambito della medicina rigenerativa. I giovani ricercatori che intendono candidare il proprio progetto di ricerca possono inviare le proposte entro e non oltre il 31 dicembre 2021 sulla piattaforma dedicata.

Leggi anche:

Alberto Mantovani e la scienza tra rispetto e responsabilità

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
1 ora
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale.
Scienze
12 ore
Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica
Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
13 ore
Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!
A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
22 ore
Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television
Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Scienze
1 gior
Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano
Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
L’intervista
2 gior
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
2 gior
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
© Regiopress, All rights reserved