laRegione
08.02.21 - 17:56

Covid, sui social media meglio l’esperto della celebrità

Ricercatori di Losanna hanno studiato come cambia la risposta delle persone agli appelli anti-Covid fatti da star, scienziati e politici

di Ivo Silvestro
covid-sui-social-media-meglio-l-esperto-della-celebrita
Anthony Fauci meglio di Kim Kardashian (Keystone)

Lavarsi bene le mani, limitare i contatti, mantenere le distanze: raccomandazione che, nell'ultimo anno, abbiamo sentito in continuazione e che hanno dato il loro contributo a contenere la pandemia di Covid. Tuttavia, mentre diversi studi hanno analizzato le migliori modalità di comunicazione, pochi si sono soffermati sull'effetto che ha la fonte dell'invito. Cambia qualcosa se l'invito viene da una celebrità come Tom Hanks, da un politico come Simonetta Sommaruga o da un esperto come l'immunologo statunitense Anthony Fauci?

Sì, e anche molto è la conclusione di uno studio condotto dallo psicologo dell'Università di Losanna Ahmad Abu-Akel e dagli informatici del Politecnico di Losanna Andreas Spitz e Robert West. La ricerca, pubblicata su Plos One (‘The effect of spokesperson attribution on public health message sharing during the COVID-19 pandemic‘) presenta a dire la verità diversi limiti, il primo dei quali è certamente quello di basarsi interamente su dati raccolti su Facebook. L’ampio campione – oltre 12mila persone da sei Paesi, Svizzera inclusa – e le accortezze statistiche certo migliorano la rappresentatività dei partecipanti, ma ugualmente il dubbio sull'estendibilità dei risultati al di fuori di quel social media rimane. Inoltre, la ricerca ha preso in considerazione solo pochi soggetti: due celebrità (Kim Kardashian e il già citato Tom Hanks), capi di governo o ministri della sanità dei Paesi in cui si è svolta la ricerca e un unico esperto, Anthony Fauci. Come parametro per il successo del messaggio si è infine presa la volontà di ricondividere l'appello dichiarata in un formulario.

I risultati sono comunque chiari: le celebrità non sono una buona scelta per questo genere di campagne di sensibilizzazione e la raccomandazione di lavarsi spesso le mani sarà più facilmente condivisa sui social media se a farla è un esperto piuttosto che un attore. Anthony Fauci meglio di Tom Hanks e Kim Kardashian, con in mezzo i politici in ordine sparso (Sommaruga meglio di Trump, cosa che non dovrebbe sorprendere nessuno).

Risultati per altro in linea con le raccomandazioni dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) statunitensi per la comunicazione in caso di pandemia: avere un singolo interlocutore che non sia un politico. Una prassi che, secondo i ricercatori romandi, andrebbe seguita anche per le campagne di vaccinazione: meglio se a farsi portavoce dei vaccini per il Covid siano esperti, non i politici e meno ancora le celebrità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Fotografia
1 ora
È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda
Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
4 ore
Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna
Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Spettacoli
11 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
19 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
23 ore
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
1 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
3 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
3 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
© Regiopress, All rights reserved