laRegione
l-ostilita-fa-male-al-cuore
Scienze
15.09.20 - 16:070

L'ostilità fa male al cuore

Le persone che hanno già subito un infarto rischiano di morire al secondo

Le persone ostili, che hanno già avuto un infarto, sono più a rischio di morire se hanno un altro attacco di cuore. È la conclusione di uno studio dell'università del Tennessee di Knoxville, pubblicato sullo European Journal of Cardiovascular Nursing. "L'ostilità è un tratto della personalità che include l'essere sarcastici, cinici, risentiti, impazienti o irritabili - spiega Tracey Vitori, coordinatrice dello studio - e caratterizza il modo in cui una persona interagisce con le altre. Avere il controllo del proprio stile di vita migliora l'atteggiamento dei pazienti che hanno un infarto. Il nostro studio suggerisce che anche migliorare il proprio atteggiamento ostile può essere utile".

Lo studio è stato condotto su 2.321 persone sopravvissute ad infarto, poi seguite per 24 mesi per vedere se si verificavano nuovi attacchi di cuore o morte. L'età media dei partecipanti era 67 anni e il 68% di loro era di sesso maschile. Oltre la metà di loro (57%) è risultata ostile sulla base delle riposte date al test Maacl, che misura l'attitudine positiva o negativa di una persona. L'ostilità è risultata un fattore predittivo di morte per un secondo infarto, indipendentemente da altri fattori quali sesso, età, istruzione, stato coniugale, diabete, ipertensione e fumo.

"L'ostilità è stata collegata alle malattie cardiovascolari già dagli anni '50, ma ancora non si era ancora capito bene perchè - continua Vitori -. Il nostro studio dimostra che è un tratto comune in chi sopravvive ad un infarto ed è associato ad una cattiva ripresa. Serviranno altri studi per capire come questo tratto caratteriale influisce sull'organismo". Di solito ansia e depressione sono gli stati emotivi valutati nei pazienti con malattie cardiache. Adesso, secondo i ricercatori, andrà aggiunta anche l'ostilità, per identificare le persone a rischio di morte prematura, e spiegargli il potenziale impatto di questo aspetto in moda da spingerle a cambiarlo

TOP NEWS Culture
Cinema
3 ore
Storie di Seid e Miguel (Shakespeare incluso)
‘Un palco per la vita’ è il documentario di Davide Martinoni (& Friends) sul teatro come occasione d’integrazione. L'intervista.
Spettacoli
4 ore
Il Fit inizia con Lorena Dozio e Trickster-p
Il Festival internazionale del teatro e della scena contemporanea si apre con le anteprime due produzioni ticinesi
Spettacoli
5 ore
Tra informazione e intrattenimento, la nuova Radio Ticino
Oggi arriva il nuovo palinsesto. Non più rubriche e contenitori, ma “un prodotto più ricco di contenuti e più dinamico” spiega il caporedattore Angelo Chiello
Società
19 ore
Morta suicida l’attrice giapponese Yuko Takeuchi
Inquirenti preoccupati per i crescenti casi di suicidio che riguardano celebrità
Culture
20 ore
Mazzucco e Cucchi vincitori del Premio Dessì
Premi Speciali a Luciano Canfora, Renata Colorni e Andrea Kerbaker
Società
23 ore
Due premi Nobel propongono il ‘lockdown d'Avvento’
La soluzione dei due economisti per non cancellare il Natale e lo shopping natalizio in tempo di pandemia
Scienze
23 ore
Dalla cattura del CO2 agli antivirali, cosa cambierà il futuro
Le cinque previsioni di Ibm Research in chiave di sostenibilità e salute, così la tecnologia migliorerà le nostre vite
Società
1 gior
Coronavirus: i francesi bocciano i media, 'sono ansiogeni'
Per 6 intervistati su dieci si dedica 'troppo spazio' al Covid su giornali, radio e tv; il 25% pensa invece che sia equilibrato lo spazio
Musica
1 gior
Dori Ghezzi: 'Il jazz? Fabrizio la musica l'amava tutta'
A colloquio con Dori Ghezzi aspettando il jazzistico ‘VIVA#DE ANDRÉ, al PalaCinema di Locarno il 9 ottobre.
Arte
2 gior
Arnold Nesselrath, vi racconto 'Raffaello!'
All'interno della rassegna 'Metamorfosi', la voce più autorevole sull'artista urbinate nell'Aula Magna dell'Usi, lunedì 28 settembre.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile