laRegione
07.09.20 - 18:03

Il sole guiderà la ricerca di mondi alieni

Un catalogo redatto da ricercatori italiani e svizzeri favorirà la ricerca di pianeti simili alla terra

il-sole-guidera-la-ricerca-di-mondi-alieni

Un catalogo di osservazioni del Sole aiuterà gli astronomi a scovare un mondo alieno simile al nostro Pianeta, una Terra 2.0. Il catalogo raccoglie tre anni di osservazioni solari ed è stato reso pubblico oggi dai ricercatori dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), insieme ai colleghi dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics americano e dell'Università di Ginevra. "Si tratta di un insieme di dati senza precedenti in termini di precisione e dimensione del campione", spiega Xavier Dumusque, dell'Università di Ginevra.

"Sono convinto che aiuteranno nel difficile percorso verso la scoperta della Terra 2.0". I dati sono stati raccolti ogni cinque minuti in tutte le giornate di cielo sereno dal cacciatore di pianeti esterni al Sistema Solare operativo al Telescopio Nazionale Galileo (Tng) dell'Inaf alle Isole Canarie, lo strumento Harps-N, collegato al telescopio solare a basso costo, Lcst (low-cost solar telescope). "L'accoppiata Harps-N e Lcst rende il Tng una struttura in grado di operare non solo ogni notte, ma anche tutti i giorni dell'anno, producendo un flusso di dati continuo", afferma il direttore del Tng, Ennio Poretti, dell'Inaf.

Per gli esperti, è importante studiare le stelle come il Sole. Uno dei sistemi che i cacciatori di mondi alieni usano per scovare nuovi pianeti è, infatti, misurare le perturbazioni provocate dall'attrazione gravitazionale dei pianeti sul segnale proveniente dalle stelle. La superficie visibile del Sole, ad esempio, precisano gli autori del catalogo, ribolle di milioni di sacche di gas che s'innalzano e sprofondano in pochi minuti. Processo, concludono, che può "alterare la velocità apparente del Sole con un'intensità centinaia di volte superiore al segnale prodotto dalla presenza di un pianeta come alla Terra", rendendone più difficile l'individuazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
storia
51 min
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
3 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
20 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
2 gior
‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi
Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
© Regiopress, All rights reserved