laRegione
meno-rischio-di-declino-cognitivo-col-lavoro-d-ufficio
Ti-Press
Davvero?
Scienze
09.07.20 - 18:210

Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio

Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi

Roma - Fare lavoro d'ufficio può far bene: chi è dietro una scrivania avrebbe infatti un minor rischio di declino cognitivo rispetto a chi invece svolge mansioni dove è più necessario lo sforzo fisico. A dirlo è una ricerca condotta dall'Università di Cambridge, pubblicata sulla rivista scientifica International Journal of Epidemiology.

Gli studiosi hanno analizzato 8.500 tra uomini e donne che avevano, all'inizio del lavoro di analisi, tra i 40 e i 79 anni. Nello studio è emerso che le persone senza qualifiche avevano maggiori probabilità di avere lavori fisicamente attivi ma meno probabilità di essere fisicamente attivi al di fuori del lavoro.  

Un lavoro fisicamente inattivo (in genere, un lavoro da scrivania) è associato, invece, a un minor rischio di declino cognizione, indipendentemente dal livello di istruzione. Quelli che avevano un lavoro manuale avevano un rischio quasi tre volte maggiore di essere colpiti da un declino cognitivo rispetto a chi faceva un'attività più sedentaria.

"Le persone che hanno un lavoro meno attivo, tipicamente d'ufficio e alla scrivania, hanno ottenuto risultati migliori nei test cognitivi, a prescindere dalla loro istruzione - ha detto Shabina Hayat del Dipartimento di sanità pubblica e cure primarie dell'Università di Cambridge -. Ciò suggerisce che, poiché i lavori alla scrivania tendono ad essere più impegnativi mentalmente rispetto alle professioni manuali, possono offrire protezione contro il declino cognitivo".

TOP NEWS Culture
Culture
2 ore
Brevi cronache notturne, tra territori e poesia
Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
2 ore
Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz
Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
5 ore
Donne, voi siete il cinema
'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
5 ore
La malinconia della vita cavalca i pardi
Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
8 ore
Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa
Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
8 ore
Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'
Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
14 ore
Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening
La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
1 gior
Il giro del mondo dei Pardi di domani
CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
1 gior
E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...
A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
2 gior
Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole
La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile