laRegione
il-coronavirus-era-dormiente-prima-di-esplodere-in-cina
Ti-Press
Scienze
07.07.20 - 14:590
Aggiornamento : 16:35

Il Coronavirus 'era dormiente prima di esplodere in Cina'

Per l'esperto 'questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte. Sono sempre qui e qualcosa li accende, come le condizioni ambientali'

Il nuovo coronavirus esisteva già in tutto il mondo prima di emergere in Cina ed è scoppiato come un'epidemia nel luogo e nel momento in cui si sono verificate le condizioni più favorevoli. Questa l'opinione espressa al quotidiano britannico The Telegraph dal dottor Tom Jefferson, esperto e tutor associato presso il Center for Evidence-Based Medicine (CEBM) dell'Università di Oxford e professore invitato alla Newcastle University.

"Penso che il virus fosse già qui: qui significa ovunque", ipotizza il docente in un'intervista rilasciata al quotidiano britannico il 5 luglio. "Potremmo aver avuto a che fare con un virus dormiente che è stato attivato da condizioni ambientali".

"C'è stato un caso alle Isole Falkland all'inizio di febbraio", osserva Jefferson. "Da dove è arrivato? I passeggeri a bordo di una nave da crociera in viaggio tra l'arcipelago della Georgia del Sud e Buenos Aires sono stati sottoposti al test e l'ottavo giorno della traversata, quando hanno iniziato a navigare verso il mare di Weddell, hanno registrato il primo caso: il virus si trovava forse nel cibo pronto che è stato scongelato, attivando così l'infezione?".

Era già successo con l'influenza spagnola 

"Cose strane come questa erano già successe con l'influenza spagnola", ha spiegato il docente universitario. "Nel 1918, circa il 30% della popolazione delle Samoa occidentali morì di influenza spagnola e non avevano avuto alcun contatto con il mondo esterno". "La spiegazione potrebbe essere che questi agenti patogeni non vengono né vanno da nessuna parte", sottolinea Jefferson. "Sono sempre qui e qualcosa li accende, forse la densità di popolazione umana o le condizioni ambientali. Ed è questo quello che dovremo capire".

A Barcellona il virus era nelle fogne nove mesi prima di essere identificato in Cina

L'esperto ha poi ricordato le crescenti prove che il virus si trovasse già altrove prima di emergere in Asia. La scorsa settimana, alcuni virologi spagnoli hanno annunciato la scoperta di tracce del nuovo coronavirus in un campione di acque reflue raccolte a Barcellona nel marzo dello scorso anno, nove mesi prima che il Covid-19 fosse identificato in Cina. Secondo uno studio pubblicato lo scorso mese dall'Istituto Superiore di Sanità, alcuni campioni di acque reflue prelevati il 18 dicembre a Milano e Torino mostravano tracce del coronavirus, molto prima dei primi casi confermati in Italia.

TOP NEWS Culture
Culture
8 ore
Scopriamo #Locarno2020 con Lili Hinstin
La direttrice artistica ci racconta questa insolita edizione, senza piazza e concorso ma con lo spirito del festival
Società
16 ore
Smile: sui social tutti con la mascherina
Nuova campagna di sensibilizzazione lanciata dall'Organizzazione mondiale della sanità.
Spettacoli
18 ore
Via alla quinta stagione della Casa di carta: sarà l'ultima?
Netflix annuncia con un tweet le riprese della serie televisiva spagnolo che ha avuto un successo straordinario.
Società
19 ore
Vuoi comprare un'isola? Servono 'solo' 10 milioni
Gallinara, oggi riserva naturale al largo fra le cittadine di Alassio e Albenga, nel Mar ligure, venduta a un magnate ucraino.
Culture
1 gior
Endorfine Festival a settembre: si comincia con Burioni
Il virologo italiano aprirà la 2ª edizione, ridisegnata nel programma e negli spazi. Spicca anche l'incontro tra Adriana Faranda (ex Br) e la figlia di Aldo Moro.
Società
2 gior
Fenomeno influencer a 80 anni indossando... abiti smarriti
Una coppia di Taiwan, titolare di una lavanderia, spopola nel web raggiungendo i 600mila follower.
Spettacoli
3 gior
Cinema, Venezia in cerca di un'identità possibile
Mancano i divi e le dive internazionali e Venezia con una trentina di film italiani riempie i tappeti rossi di protagonisti locali. A qualcuno basterà.
Musica
3 gior
'Bon Bones meets Twobones': è jazz nippo-ticinese
Sabato 8 agosto a Losone, sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo, l'oriente si fonde con la Svizzera in uno scambio musicale tra estremi del globo.
Arte
3 gior
Siamo tutti curatori: la Kunsthalle di Zurigo riapre. A tutti
Una mostra senza opere d’arte, ma con idee per altre possibili mostre, un’esposizione dentro l’esposizione ci spiega la curatrice Seline Fülscher
L'intervista
3 gior
La cura Cristicchi
Durante il lockdown ha scritto due poesie e un album intero. A colloquio con il cantautore, domenica 2 agosto al LongLake Festival Lugano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile