laRegione
il-campo-magnetico-terrestre-cambia-piu-in-fretta-del-previsto
Keystone
Scienze
06.07.20 - 14:300

Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto

Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione

Milano - I cambiamenti di direzione del campo magnetico terrestre potrebbero avvenire 10 volte più velocemente del previsto: lo indicano le simulazioni realizzate al computer dall'università britannica di Leeds con l'università della California a San Diego. I risultati, pubblicati su 'Nature Communications', offrono una nuova visione di quello che accade nel 'cuore' del pianeta, a 2800 chilometri di profondità, dove si trova il vorticoso flusso di ferro fuso che con le sue correnti elettriche genera il campo magnetico condizionandone il movimento da centinaia di migliaia di anni.

Per ricostruirne l'evoluzione nelle diverse ere geologiche, vengono solitamente analizzate le 'impronte' che il campo magnetico lascia impresse nei sedimenti, nelle colate laviche e perfino nei manufatti prodotti dall'uomo, ma i risultati così ottenuti sono spesso incerti e oggetto di dibattito. I ricercatori britannici e statunitensi hanno dunque pensato di usare un approccio differente, ricorrendo alle simulazioni per riprodurre il processo che genera il campo magnetico: la tecnica è stata applicata alle variazioni del campo magnetico degli ultimi 100'000 anni, così come sono state ricostruite da un recente studio.

I risultati indicano che i cambiamenti di direzione avrebbero raggiunto velocità anche 10 volte superiori all'atteso. Questi rapidi cambiamenti sarebbero associati a locali indebolimenti del campo magnetico: ciò significa che sarebbero avvenuti generalmente durante l'inversione dei poli o l'allontanamento dei poli magnetici (i punti della superficie terrestre da cui escono le linee di forza del campo) dai poli geografici. Un esempio lampante viene dal netto cambiamento della direzione del campo magnetico (circa 2,5 gradi all'anno) che si è verificata 39'000 anni fa. Questo spostamento è associato a un indebolimento del campo in corrispondenza della costa occidentale dell'America centrale seguito alla cosiddetta Escursione di Laschamp, una breve inversione del campo magnetico terrestre avvenuta 41'000 anni fa.

TOP NEWS Culture
Culture
3 ore
Brevi cronache notturne, tra territori e poesia
Microcosmi: sguardi sulle cose che cambiano, nel territorio e nelle persone, tra passato, presente e futuro
Spettacoli
3 ore
Da Brahms a Morricone, le musiche del sestetto Linz
Intervista a Nikolay Shugaev, violoncellista e fondatore dell’ensemble in concerto sabato a Gentilino
Locarno 2020
6 ore
Donne, voi siete il cinema
'Made in Bangladesh' della regista Rubaiyat Hossain, prodotto grazie agli Open Doors. E poi 'Aparisyon' di Isabel Sandoval. Peccato che online non fiocchino gli applausi.
Locarno 2020
6 ore
La malinconia della vita cavalca i pardi
Ci si alza con un ghiacciaio che frana nelle Alpi, con una pandemia senza spiragli, con la Beirut distrutta: cosa deve fare allora chi scrive con il cinema? 
Società
9 ore
Raccontò gli abusi su Netflix: Daisy Coleman si è uccisa
Nel 2016, in ‘Audrie & Daisy’, il destino oggi perfettamente identico di due vittime di stupro: “Mi credevo invincibile. Era un pensiero stupido”.
Classica
9 ore
Settimane Musicali, la tre giorni di 'Piemontesi & Friends'
Versione Covid-compatibile ricca di stelle, dal 18 al 20 settembre nella chiesa del Papio di Ascona
Spettacoli
14 ore
Una storia d’amore di fine regime ai Secret Screening
La seconda proiezione segreta della direttrice artistica è una prima mondiale: ‘Walden’ di Bojena Horackova
Culture
1 gior
Il giro del mondo dei Pardi di domani
CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno
Locarno 2020
1 gior
E Marcello Mastroianni chiese a Franco Piavoli...
A colloquio con l'attore Primo Gaburri, nella Locarno che l'applaudì nel 2002 in un film profetico: 'Sì, in anticipo sull'emergenza migranti offre una soluzione'.
Scienze
2 gior
Il coronavirus si trasmetterebbe poco nelle scuole
La conferma arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health. Lo studio è stato svolto in Australia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile