laRegione
08.05.20 - 19:51

Non sarà l'estate a fermare la pandemia

Uno studio canadese conferma che il virus non risente di fattori stagionali

Ansa, a cura de laRegione
non-sara-l-estate-a-fermare-la-pandemia
keystone

L'estate non frenerà la pandemia di Covid-19, perché il coronavirus non risente di fattori come temperatura e latitudine: a smentire ogni possibile correlazione tra contagio e clima è uno studio dell'Università di Toronto, pubblicato su Canadian Medical Association Journal.

"Avevamo già condotto uno studio preliminare che suggeriva come la temperatura e la latitudine potessero influire - spiega il coordinatore della ricerca, Peter Juni -, ma quando abbiamo ripetuto lo studio usando condizioni più rigorose, abbiamo ottenuto il risultato opposto".

I ricercatori hanno preso in considerazione 144 aree del mondo, per un totale di 375.600 casi confermati di Covid-19. La Cina è stata esclusa dall'analisi perché l'epidemia era già in fase calante; Italia e Corea del Sud, al contrario, non sono state considerate perché l'epidemia era ancora in piena esplosione.

Per stimare la crescita dell'epidemia, i ricercatori hanno confrontato il numero di casi del 27 marzo con quelli del 20 marzo. Inoltre hanno valutato l'effetto di latitudine, temperatura, umidità, chiusura delle scuole, distanziamento sociale e divieto di assembramenti durante il periodo di esposizione al virus tra il 7 e il 13 marzo.

I risultati indicano che la diffusione del coronavirus non risentirebbe né della latitudine né della temperatura, mentre sembra esserci solo qualche indizio a carico del fattore umidità. Al contrario, le misure sanitarie imposte della autorità si sono dimostrate efficaci.

"L'estate non farà sparire tutto quanto: è importante che la gente lo sappia -, afferma la co-autrice dello studio Dionne Gesink, epidemiologa presso la Dalla Lana School of Public Health di Toronto -. D'altro canto, più tempo durano le misure di salute pubblica, maggiore è l'impatto sul rallentamento dell'epidemia. Questi interventi sono molto importanti, perché sono l'unica cosa che funziona davvero al momento".
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Progetto Babel
1 ora
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
3 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
6 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
23 ore
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
1 gior
Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare
Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior
‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure
Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
La recensione
1 gior
Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani
Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
2 gior
Shirin Neshat dalla terra dei sogni
Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
© Regiopress, All rights reserved