laRegione
Scienze
13.01.20 - 21:000
Aggiornamento : 22:26

Costruiti i primi robot viventi da cellule di rana

Si chiamano xenobot e sono grandi qualche millimetro. In futuro potrebbero essere utilizzati per somministrare farmaci nel corpo umano

Pisa – Costruiti i primi robot viventi. Si chiamano xenobot, dal nome della rana Xenopus laevis, le cui cellule embrionali sono state utilizzate per realizzarli. Sono grandi qualche millimetro e sono stati programmati con un algoritmo per svolgere funzioni diverse da quelle che svolgerebbero naturalmente. In futuro potrebbero essere usati per somministrare farmaci nel corpo umano. Lo spiegano sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze (Pnas) i ricercatori delle università del Vermont e di Tufts.

"Possiamo definirli robot viventi od organismi multicellulari artificiali, perché svolgono funzioni diverse da quelle naturali", precisa Antonio De Simone, professore dell'istituto di Biorobotica della Scuola superiore Sant'Anna di Pisa. Quello che hanno fatto i ricercatori, guidati da Joshua Bongard, è stato riprogrammare delle cellule viventi, grattate via da embrioni di rana, e assemblarle in una forma di vita completamente nuova, dove hanno iniziato a lavorare insieme.

"Sono aggregati di cellule che interagiscono tra loro, generando comportamenti collettivi complessi, diversi da quelli che avrebbero naturalmente. Qui hanno svolto comportamenti elementari, come muoversi insieme in una direzione o in cerchio", continua De Simone. La vera novità di questo lavoro, secondo De Simone, "è che queste funzioni sono state generate attraverso un algoritmo evolutivo". Tante le possibili future applicazioni di questi robot viventi, che vanno dal rilasciare farmaci in un determinato punto del corpo all'assemblare microplastiche negli oceani o eliminare placche dalle arterie.

TOP NEWS Culture
Culture
5 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 92 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
7 ore
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
16 ore
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Ritratti
1 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
1 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
2 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
3 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
6 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
6 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
6 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile