laRegione
17.12.19 - 09:08

Cheops, il telescopio di Svizzera ed Esa, domani nello spazio

Sviluppato sotto la guida dell'università di Berna, ha come obiettivo lo studio degli esopianeti. Previsto per oggi, il lancio è stato rinviato di 24 ore

a cura de laRegione
cheops-il-telescopio-di-svizzera-ed-esa-domani-nello-spazio
Una ricostruzione dalla pagina facebook di Cheops Italia

Sarebbe dovuto decollare questa mattina alle 09.54, ma il lancio è rimandato a domani. Il telescopio spaziale Cheops, sviluppato sotto la guida dell'università di Berna, è pronto ad essere lanciato nello spazio dalla piattaforma Kourou, nella Guyana francese. Si tratta del primo progetto diretto dalla Svizzera e dall'Agenzia spaziale europea (ESA). L'obiettivo è studiare gli esopianeti, ovvero quelli che non appartengono al Sistema solare.

Cheops (abbreviazione di CHaracterising ExOPlanets Satellite) verrà spedito in orbita a bordo di un razzo di fabbricazione russa Soyuz. Si compone di un telescopio spaziale, elaborato e assemblato dall'università di Berna in collaborazione con quella di Ginevra, e di un satellite piattaforma il cui compito è di trasportare il telescopio, permettendogli di funzionare nello spazio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
SALUTE
2 ore
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
4 ore
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
6 ore
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
7 ore
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
9 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
11 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
13 ore
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
1 gior
‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)
Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
© Regiopress, All rights reserved