laRegione
foto ti-Press
Scienze
14.11.19 - 08:400

Sfruttare i ghiacciai che si sciolgono, la ricetta dell'ETH

Usare le aree liberate dai ghiacciai come bacini idrici potrebbe aumentare del 13% la produzione di energia idroelettrica

I glaciologi dell’ETH di Zurigo e del WSL hanno analizzato il potenziale mondiale di riserve idriche ed energia idroelettrica che lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe offrire in seguito ai cambiamenti climatici.

A causa del riscaldamento globale, nei prossimi decenni la maggior parte dei ghiacciai è destinata a sciogliersi. Con i ghiacciai non si perderanno solo splendide meraviglie della natura, ma anche una funzione fondamentale per il ciclo dell’acqua. Infatti, le masse d’acqua presenti in alta montagna sono importanti riserve che alimentano i grandi sistemi fluviali e aiutano a compensare il deflusso a livello stagionale.
Senza i ghiacciai, nei mesi estivi la portata dei fiumi sarebbe notevolmente ridotta, cosa che in molte regioni avrebbe ripercussioni su disponibilità idrica, gestione energetica e agricoltura. Nel mondo scientifico è quindi già stata discussa l’idea di compensare il calo della funzione di accumulo dei ghiacciai con bacini idrici. 
Un gruppo di glaciologi dell’ETH di Zurigo e dell’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL riprende ora la discussione sui ghiacci in ritirata: in uno studio pubblicato su Nature, gli scienziati valutano il potenziale mondiale di riserve d’acqua ed energia idraulica fornito dalle aree che in futuro verranno liberate dai ghiacci in ritirata.


Usare le aree liberate dai ghiacciai come bacini idrici

Nel loro studio, il team di ricercatori guidati da Daniel Farinotti, professore di glaciologia presso l’istituto sperimentale di ingegneria idraulica, idrologia e glaciologia (VAW) dell’ETH di Zurigo e presso il WSL, ha analizzato circa 185’000 ghiacciai. Per questi siti, i ricercatori hanno calcolato un potenziale  massimo teorico di 875 chilometri cubi (km3) per il stoccaggio e un potenziale di energia idraulica totale massimo teorico di 1350 terawattora (TWh) all’anno.
«In totale, questo potenziale teorico corrisponde a circa un terzo della produzione attuale di energia idroelettrica in tutto il mondo. Tuttavia, solo una parte di questo potenziale sarebbe effettivamente realizzabile», ammette Farinotti.
Per ottenere una stima più realistica, i ricercatori hanno quindi sottoposto i siti a una prima prova di idoneità. Così facendo, hanno identificato circa il 40 % del potenziale totale teorico  come «possibilmente» idoneo, per un volume di 355 km3 e un potenziale di energia idraulica di 533 TWh all’anno. Quest’ultimo corrisponde a circa il 13 percento della produzione attuale di energia idraulica in tutto il mondo, ossia nove volte il fabbisogno di elettricità della Svizzera.
«Il volume di stoccaggio potenzialmente idoneo sarebbe sufficiente per trattenere circa la metà del deflusso annuale dai bacini di alimentazione presi in esame», afferma Farinotti. Inoltre, assumendo uno scenario climatico  medio, circa tre quarti del potenziale di accumulo potrebbero sgombrarsi dal ghiaccio e diventare disponibili entro il 2050.

Una stima prudente del potenziale

Per la loro analisi, i glaciologi hanno utilizzato un inventario globale dei ghiacciai e sistemato una diga di sbarramento virtuale all’estremità odierna di ciascuno ghiacciaio con una superficie superiore a 50‘000 metri quadrati situato al di fuori della regione subantartica. Quindi hanno ottimizzato le dimensioni dei bacini idrici regolando in modo opportuno l’orientamento e l’altezza delle dighe. Durante questa operazione, hanno anche fatto in modo di non limitarsi a massimizzare il profitto, ma anche di minimizzare l'impatto negativo sul paesaggio. Per calcolare il potenziale volume di stoccaggio dei 185’000 siti considerati, il team è ricorso a modelli altimetrici digitali del terreno subglaciale e a un modello numerico per l’evoluzione futura dei ghiacciai.

(Testo integrale:  www.wsl.ch/it/news/2019/11/bacini-dei-ghiacciai-come-serbatoi-dacqua.html ) 

 

TOP NEWS Culture
Netflix
11 ore
Quella volta che Lars e Sigrit andarono all'Eurovision
Un 'islandese' Will Ferrell ne ha per tutti, americani inclusi, in una deliziosa parodia-tributo al concorso canoro europeo più kitsch di sempre.
Gallery
Arte
14 ore
Biennale Val Bregaglia, giochi semantici naturali
Artisti misurati con la cultura del luogo e con la sua storia. Gli interventi di Roman Signer, con la grande torre, e Alex Dorici, col pertugio nelle antiche mura
Società
1 gior
Covid-19, Robert De Niro quasi sul lastrico
La pandemia ha inferto un grave colpo ai business dell'attore americano, la catena di ristoranti Nobu e il Greenwich Hotel
Culture
1 gior
Task Force Culture: 'Un segnale forte e unanime'. Con risultati
Le associazioni culturali accolgono con soddisfazione l’apertura da parte del Consiglio federale (Cf) della consultazione sulla legge Covid-19
Scienze
1 gior
Lo spazzino dello spazio 'made' in Svizzera
ClearSpace, la sart-up del Politecnico federale di Losanna, vuole lanciare la sua navicella nel 2025
Musica
1 gior
La cantautrice ticinese Julie Meletta torna con 'Middle May'
Pubblicato oggi su tutte le piattaforme di streaming il nuovo singolo, in attesa del primo EP in uscita quest'inverno
Scienze
2 gior
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
2 gior
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
2 gior
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
2 gior
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile