laRegione
tutti-i-numeri-di-sanremo-aspettando-pausini-e-zalone
La classifica della prima serata (Keystone)
Sogno o son Festival
02.02.22 - 13:46
Aggiornamento: 03.02.22 - 10:33

Tutti i numeri di Sanremo, aspettando Pausini e Zalone

Una manifestazione ‘entrata in tutte le case’ e che ‘piace anche ai laureati’ (meno al vescovo di Sanremo, ma stasera si parte con Sangiovanni)

Sanremo, mercoledì 2 febbraio, conferenza stampa giorno 2. Evadiamo la mera contabilità, senza la quale staremmo qui a parlare di uncinetto, comunque arte. “La prima parte della serata inaugurale, dalle 21.23 alle 23.38 ha avuto 13 milioni 805mila spettatori (share del 54,5%), mentre la seconda, dalle 23.43 alle 25.12, è stata seguita da 6 milioni 412mila spettatori (55,4%). Il picco d’ascolto, in termini di spettatori è stato registrato alle 21.46 con 16 milioni 517mila spettatori (58,9% di share). Tradotto in linguaggio per non economisti dal direttore Coletta: “Amadeus è una persona della quale il popolo si fida, e che accanto a Fiorello riesce a tirare fuori questa quota d’intrattenimento straordinaria e un linguaggio del quale avevamo bisogno per capire cosa avessimo vissuto lo scorso anno, il dover lottare con il vuoto”. Altra fiducia è arrivata dalle ragazze tra i 15 e 24 anni, passate in un anno dal 71% al 78% medio della popolazione davanti allo schermo, dimostrazione che “il lavoro di rinnovamento è stato raggiunto, i giovani si sono sentiti chiamati. E questo grazie alla Direzione artistica”. Colpiscono, davanti alla tv, il 60,6% di laureati contro il 53% di livello d’istruzione medio, “una platea raffinata davanti alla tv”. Dunque: “Raggiunto il bisogno primario delle persone, ovvero conoscere nuovi talenti, ricevere i sentimenti di cui si aveva bisogno, che arrivano da un Festival entrato in tutte le case”.

Il quarto Festival e il vescovo di Sanremo

“Dire che sono felice è poco. Sono senza parole, che per il sottoscritto è un po’ strano”. Amadeus ringrazia tutti indistintamente, maestranze, cantanti, musica, pubblico in sala, pubblico a casa e gente per strada. Ringrazia anche Fiorello, che al telefono, in diretta, gli fa il verso alle 6 del mattino e introduce la seconda serata, a partire dall’attrice Lorena Cesarini, al suo fianco questa sera. Gli si chiede del quarto Festival, se le canzoni tristi diventate allegre nello sketch con Fiorello diventeranno un singolo e, giustamente, gli si contesta il tributo a Franco Battiato, “una parentesi dovuta, messa lì e poi andiamo avanti?”, chiede il giornalista, accortosi che l’omaggio al grande artista è arrivato poco prima dell’una di notte, e con un frammento de ‘La cura’: “A volte basta un pensiero, un ricordo, un applauso, uno sguardo sincero va molto più in là di un numero confezionato” è la risposta.

Viene citato il vescovo di Sanremo, che nelle ultime ore ha così tuonato: “Il modo di esibirsi di Achille Lauro dimostra la brutta piega che ha preso il Festival da qualche anno”. Amadeus risponde da credente, “non turbato nemmeno minimamente. Achille non manca di rispetto a nessuno, altrimenti in questo modo teniamo i giovani lontani dal Festival, e anche dalla Chiesa’. A proposito di giovani, il post-Maneskin: “Li ho trovati come 11 mesi fa, non modificati dall’enorme successo. I ragazzi del mondo ora sono curiosi di conoscere la musica del Festival di Sanremo, un luogo dove c’è posto per tutti, e non solo per i giovani». Le lacrime di Damiano: “Quella canzone (‘Coraline’, ndr) ha un significato speciale per lui. Dalla sua reazione ho avuto altre conferme di autenticità”.

Questa sera

Attesi all’Ariston Laura Pausini e Checco Zalone e le attrici de ‘L’amica geniale’. Si aprirà una finestra su Milano-Cortina 2026 con lancio del contest dal quale uscirà l’inno ufficiale per rappresentare l’Italia, coi due inni in gara cantati da Arisa e Malika Ayane. Sulla Costa Toscana canterà Ermal Meta e in giornata sono attese anticipazioni sull’Eurovision Song Contest di Torino.

Per finire, l’ordine di uscita dei cantanti:

  1. Sangiovanni, ‘Farfalle’
  2. Giovanni Truppi, ‘Tuo padre, mia madre, Lucia’
  3. Le Vibrazioni, ‘Tantissimo’
  4. Emma, ‘Ogni volta è così’
  5. Matteo Romano, ‘Virale’
  6. Iva Zanicchi, ‘Voglio amarti’
  7. Ditonellapiaga e Rettore, ‘Chimica’
  8. Elisa, ‘O forse sei tu’
  9. Fabrizio Moro, ‘Sei tu’
  10. Tananai, ‘Sesso occasionale’
  11. Irama, ‘Ovunque sarai’
  12. Aka 7seven, ‘Perfetta così’
  13. Highsnob e Hu, ‘Abbi cura di te’
Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
checco zalone festival di sanremo laura pausini sanremo 2022
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
4 ore
Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni
La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
5 ore
Morta Olivia Newton-John, star di Grease
Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
6 ore
Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’
Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
L'intervista
7 ore
Tre uomini nel ‘Delta’
Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Locarno 75
14 ore
‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’
Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
L’intervista
16 ore
Juliette Binoche, attrice e camionista
Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
16 ore
Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.
Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
19 ore
Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco
La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
1 gior
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
1 gior
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
© Regiopress, All rights reserved