laRegione
un-festival-fuori-norma-con-un-pardo-per-hilary-swank
Hilary Swank (© Dick Thomas Johnson from Tokyo, Japan)
Locarno Festival
17.07.19 - 11:480
Aggiornamento : 18:57

Un Festival 'fuori norma'. Con un Pardo per Hilary Swank

Dalla realtà virtuale al nuovo Premio Utopia che sarà consegnato a enrico ghezzi, le novità di Locarno 72, prima edizione diretta da Lili Hinstin

Locarno72 (anzi #Locarno72 per riprendere l'hashtag ufficiale del pardo) ma quella che si aprirà il prossimo 7 agosto sarà anche Hinstin01 perché – e a scriverlo è la stessa direttrice artistica nella sua introduzione – "tutte le scelte di una prima edizione suonano come un manifesto".

Qualche assaggio lo abbiamo avuto con le consuete anticipazioni; adesso che abbiamo (quasi) tutto il programma – presentato poco fa a Berna e ancora nel pomeriggio a Bellinzona – si può provare a farsi un'idea del “Festival fuori norma” che “si concede grandi rischi ” (citiamo sempre dall'introduzione) aprendosi al nuovo.

La realtà virtuale e l'Utopia di enrico ghezzi

E il nuovo è sicuramente la realtà virtuale alla quale il Festival apre nelle competizioni ufficiali – avremo un film in VR sia nella sezione Moving Ahead, nuovo nome di Signs of Life, sia tra i Pardi di domani dove scopriremo How to Tell A True Immigrant Story di Aggie Ebrahimi Bazaz – e con una rassegna speciale per la quale sette istituzioni sono state invitate a proporre un’opera in realtà virtuale che rispondesse al tema Gender Bender come omaggio al lavoro di John Waters, Pardo d’onore di quest'anno.

E già che parliamo di premi: al già lungo elenco di pardi se ne aggiunge uno nuovo, il Premio Utopia che sarà consegnato a enrico ghezzi (minuscole sue), critico e autore televisivo "che ha realizzato il sogno di Rossellini e Straub di una televisione come strumento democratico e politico per eccellenza" (parole di Lili Hinstin). 

La Piazza Grande di Tarantino e Godard

Dire Locarno film festival vuol ovviamente dire Piazza Grande, anima glamour della manifestazione che la direttrice vuole comunque unire a quelle che definisce "intense visioni d’autore". Così il primo giorno di programmazione ufficiale avremo il corto di Jean-Luc Godard Lettre à Freddy Buache (omaggio al critico da poco scomparso) seguito da Magari, opera prima di Ginevra Elkann.
Sempre in Piazza – qui tutto il programma – troveremo due perle da Cannes: Once Upon a Time... in Hollywood di Quentin Tarantino (il 10 agosto) e Diego Maradona di Asif Kapadia (il 15), poi un thriller psicologico (Instinct, primo film di Halina Reijn con Carice van Houten), un film d’azione claustrofobico (7500, primo film di Patrick Vollrath, con Joseph Gordon-Levitt), un film giudiziario (La Fille au Bracelet di Stéphane Demoustier), una commedia romantica fuori di testa (Notre dame di Valérie Donzelli). Senza dimenticare le sei proiezioni in seconda serata che compongono la nuova rassegna "Crazy Midnight", tra cui troviamo il Cecil B. DeMented del già citato John Waters.

Concorso e giuria

Concorso internazionale ricco e variegato: dal documentario Fi Al-Thawra (During Revolution) di Maya al-Khouri del collettivo Abounaddara al ritorno del grande cineasta Pedro Costa con Vitalina Varela, straziante ritratto politico di una capoverdiana che arriva in Portogallo dopo 25 anni di attesa. Film di grandi autori come Koji FUKADA, Ulrich Köhler, Henner Winckler e Rabah Ameur-Zaïmeche e cineasti già acclamati a livello internazionale (João Nicolau, Damien Manivel, Eloy Enciso, Rúnar Rúnarsson, Yosep Anggi Noen, PARK Jung-bum), fino ai primi film di nuovi registi quali Nadège Trebal, Basil da Cunha, Maura Delpero, Maya Da-Rin, Mina Mileva e Vesela Kazakova.

Il non facile compito di districarsi in questa varietà sarà affidato alla giuria guidata dalla regista e scrittrice francese Catherine Breillat, nota per le sue opere provocatorie quali Romance (1999) e Pornocrazia (Anatomie de l'enfer, 2003).

Un pardo per Hilary Swank

Tra le novità annunciate oggi, il Leopard Club Award che il 9 agosto sarà consegnato a Hilary Swank, interprete di Million Dollar Baby e Boys Don’t Cry per i quali l'attrice ha vinto due Oscar e che saranno proiettati nell'ambito del festival.
Altri premi svelati oggi: il Vision Award Ticinomoda a Claire Atherton e il Premio Cinema Ticino a Fulvio Bernasconi.

Allegati
TOP NEWS Culture
L'intervista
2 ore
Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano
Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
17 ore
Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza
Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
18 ore
Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano
Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
1 gior
Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors
Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
1 gior
Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo
Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
1 gior
Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'
Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Società
2 gior
Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'
Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
2 gior
‘Condividere un'esperienza è ciò per cui val la pena vivere’
Denny Ilett, chitarrista e cantante, ospite del Jazz Cat club da mercoledì a sabato per quattro serate jazz nel giardino del Teatro del Gatto di Ascona
Musica e politica
2 gior
Menomale che Neil Young c'è
Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...
Spettacoli
2 gior
Locarno2020, ‘Nemesis’, un documentario lungo 7 anni
Thomas Imbach ha presentato il suo ‶documentario alla finestra″: una stazione ferroviaria distrutta per far posto a un carcere, dagli scambi alla prigionia
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile