laRegione
Piazza Grande
laR
 
13.08.22 - 13:55
Aggiornamento: 14:58

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato

di Ugo Brusaporco
il-dolore-per-il-bataclan-si-rinnova

"Salman Rushdie accoltellato a Chautauqua, New York, a un evento pubblico: è vivo. Lo scrittore e saggista indiano, naturalizzato britannico, è stato accoltellato prima di un suo intervento sul palco". La notizia come fulmine a ciel sereno mentre stiamo scrivendo di un film passato in Piazza Grande ieri sera, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ (Non avrete mai il mio odio), riferendosi al massacro islamico al Bataclan di Parigi il 13 novembre 2015. La coincidenza fa pensare: viviamo in un mondo fragile, segnato non da rotte migratorie, ma da precisi disegni criminali, il Bataclan come gli 11 settembre a New York e prima in Cile, non casuali; non si va ad accoltellare uno scrittore 75enne perché ha scritto nel 1988 ‘I versi satanici’, ma cosa possiamo rispondere noi, Occidente, se non tagliare tutte le disuguaglianze, togliendo a irriducibili criminali ogni possibilità di fare accoliti. Ma a chi interessa questo?

Ecco, un film come ‘Vous n’aurez pas ma haine’ non s’interessa a questo problema, neppure lo sfiora pur parlando del Bataclan e delle sue novanta vittime; il regista tedesco Kilian Riedhof riduce un attentato sanguinoso a un fatto privato, all’elaborazione del lutto di un uomo, un padre, che nell’attentato ha perso l’amata moglie. Al film non interessa approfondire l’evento storico che resta molto a lato di un romantico racconto d’amore funereo. Il protagonista è Antoine Leiris (qui interpretato in modo monocorde da Pierre Deladonchamps), la vicenda è quella di un vero giornalista che si era allontanato momentaneamente dal lavoro per finire un romanzo; succede che la sera dell’attentato saluti la moglie, Hélène Muyal-Leiris (nel film Camélia Jordana) che con un amico va a sentire un concerto al Bataclan; nella classica divisione dei compiti, lui tiene il bambino, tanto quella sera in tv c’era Francia-Germania. A una certa ora lui sente della confusione, accende la tv scopre che c’è stato un attentato al Bataclan; comincia per lui un calvario che inizia a chiudersi con la scoperta di lei morta. Ed ecco l’alcool ed ecco i litigi con i parenti per quella bara che non gli interessa ed ecco che scrive su facebook un lungo messaggio in cui dichiara che non concederà il suo odio a chi ha ucciso sua moglie: a milioni commentano il suo scritto e il giornale per cui lavora lo pubblica in prima pagina. Concede interviste a radio e tv. Ma questo non basta a pacificarlo, è solo l’amore per il figlio che lo porta ad affrontare la nuova realtà della sua vita.

Purtroppo, il film resta in superficie, la regia non convince come la recita, tutto resta sospeso in un inutile limbo, e il Bataclan poteva essere qualsiasi altra cosa, anche un incidente in auto. Nel tentativo di raccontare una storia universale, il regista affonda in un mare profondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
32 min
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 ora
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
12 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
16 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
17 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
18 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
21 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
© Regiopress, All rights reserved