laRegione
In concorso
13.08.22 - 13:55

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese

di Ugo Brusaporco
abbas-fahdel-e-la-piccola-storia-che-diventa-grande
‘Hikayat elbeit elorjowani’ (Favole dalla casa viola)

Si è aspettato l’ultimo giorno di concorso per ricordare la non casualità di avere in competizione un film terribilmente d’attualità storica come ‘Skazka’ di Alexander Sokurov, ed ecco che – senza scavare a inaudite profondità, ma restando nella flebile superficie – ‘Hikayat elbeit elorjowani’ (Favole dalla casa viola) del cineasta franco-iracheno-libanese Abbas Fahdel riesce a creare leggibili solchi di un’ignorata, colpevolmente, storia del nostro tempo. Sfocate immagini ci raccontano ancora di quello che era il Libano. Qualcuno ricorda come fosse chiamato, e non ironicamente, la Svizzera del Medio Oriente. Qualcuno forse si ricorda ancora di Felice Riva, quello che ottenne la prima Coppa Campioni del Milan, conquistata a Wembley contro il Benfica di Eusébio; quello che dopo un crack finanziario (non aveva mai lavorato ma disponeva di grandi patrimoni familiari) finì in quel Libano dal sapore svizzero per fuggirne nel 1982, anno dello scoppio della guerra del Libano, una guerra che toglierà al Paese lo status di altra Svizzera per consegnarlo a una storia di sangue. Del Felice Riva scrivono le cronache, ma da quel Libano tradito da voraci faccendieri e facili banchieri nasce quell’oggi segnato dal tragico rapporto con Israele, dall’invasione dei profughi siriani, dall’esplosione incredibilmente drammatica al porto il 4 agosto 2020, e da barbare situazioni mondiali come il Covid e le recenti guerre europee.

Isolamento

Subito, il film di Abbas Fahdel, con le sue tre ore e poco più, ha sconvolto quelli abituati a riposarsi con serie televisive d’innominabile durata temporale; perché quelle hanno azione, si dice, e questo film secondo molti non ne ha. Eppure si resta sconvolti di fronte a un gatto, e non è Silvestro, della Looney Tunes e Merrie Melodies, che si mangia un uccellino, o quello che divora una lucertola, o quello che aspetta l’intervento di un bambino per addentare una vipera velenosa. E tanti sono i gatti nella casa in cui il regista vive insieme alla compagna, l’artista libanese Nour Ballouk, che del film è eletta protagonista nonostante il suo primo desiderio di non apparire. Il film nasce infatti da un isolamento, quello dovuto alla pandemia di Covid, che in Libano è costato un anno d’isolamento per l’intera nazione. E in quest’anno, isolati nella loro "casa viola" nel Libano del Sud, Abbas Fahdel e sua moglie Nour Ballouk vanno alla scoperta di quel Libano che amano e sentono finalmente Patria.

Il film è ricco d’importanti lacerti cinematografici che raccontano il cammino di conoscenza dei due coniugi, e tra il Tarkovskij di ‘Stalker‘ e l’Antonioni di ‘Deserto rosso‘ brilla un capolavoro ignorato come ‘El sol del membrillo’ di Víctor Erice premiato a Cannes, un film che "per molti continua a rappresentare una delle frontiere di un cinema possibile, anche se raramente esplorato: un cinema in nessun modo estraneo alla realtà, anzi a essa saldamente ancorato – anche se per addentrarvisi e trascenderla, senza limitarsi alla sua mera apparenza – e nello stesso tempo libero e imprevedibile, lontano da convenzioni e percorsi prestabiliti", come scrive Miguel Marías nell’Enciclopedia del Cinema (2004), pellicola che Abbas Fahdel ha visto diverse volte per convincersi della possibilità di fare un film "estraneo alla realtà, anzi a essa saldamente ancorato".

Scegliere di restare

Ci troviamo così di fronte a un’epifania cinematografica in un territorio martoriato che come martire si esalta del suo martirio, attraverso la visione, non afona politicamente, di un regista che già aveva raccontato l’Iraq da cui veniva, Paese pieno d’identità prima di essere distrutto illegalmente. Qui vive sul confine con Israele, sente gli aerei israeliani solcare i cieli del Libano e bombardare la sua casa; sua moglie con la casa ha perso, insieme a vite umane e animali, otto anni di produzione artistica. Una misura che mai viene contata nei resoconti di guerra. Ma cosa centra la guerra con la bellezza, torniamo a Dostoevskij e a chiederci se davvero la bellezza salverà il mondo. Abbas Fahdel ne è convinto, è per questo che ancora vive nel Libano del Sud sul confine con Israele e accetta il pericolo di vedere la sua casa distrutta, e di morire sotto una bomba invece di ritornare a Parigi, dove potrebbe vivere, rinunciando agli immensi panorami del suo paese. E lontano si vedono le barche fenice salpare a conquistare quel Mediterraneo che tutti abbiamo perso.


Abbas Fahdel

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
15 min
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 ora
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
11 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
16 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
17 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
17 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
21 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
© Regiopress, All rights reserved