laRegione
09.08.22 - 22:52

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica

di Ivo Silvestro
fuori-concorso-una-candy-land-senza-sconti
‘Candy Land’, di John Swab

John Swab sta diventando un habitué del Festival: l’anno scorso il suo ‘Ida Red’, forte anche della presenza della premio Oscar Melissa Leo, era in Piazza Grande; quest’anno il suo ‘Candy Land’ è Fuori concorso e non è un caso. Entrambi i film raccontano storie di abusi e criminalità – che il regista conosce bene per averle vissute sulla propria pelle – ma ‘Candy Land’ è decisamente più crudele e spietato. Diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione, ma il limite principale del film, più che la violenza esplicita, è la poca originalità a livello di regia: Swab omaggia e cita ma non riesce a fare quel passo in più che lo renderebbe un vero autore.

La Candy Land del titolo è un’area di sosta per camion, punto di ritrovo per chi, di passaggio o residente nella vicina cittadina, cerca sesso a pagamento. A praticare le varie specialità che il regista mostra senza pudori e senza erotismo, troviamo i giovani Sadie, Riley, Liv e Levi che operano sotto la supervisione della protettrice Nora e dello sceriffo Rex.

Come con la famiglia di criminali al centro di ‘Ida Red’, Swab avvicina emozionalmente lo spettatore a questi giovani che si prostituiscono: non idealizza il mondo del sesso a pagamento, ma mostra la dignità di personaggi che in mano a un altro regista sarebbero semplicemente delle vittime. Solo che in ‘Candy Land’ questo è funzionale alla presentazione del vero cattivo del film, una setta religiosa che mira alla purificazione e alla salvezza e non può che scontrarsi con il presunto degrado morale di Candy Land. Dopo un dissidio col fondatore di questo culto, la giovane Remy fugge e viene accolta da Sadie e dalla sua comunità, dove sembra iniziare una nuova vita diametralmente opposta alla precedente. Quello delle sette è evidentemente un argomento tabù, addirittura più di droga e sesso se Swab, come lui stesso ha spigato brevemente prima della proiezione, ha dovuto produrre da sé il film visto che "in Usa nessuno investe soldi su questo tema".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
6 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
3 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
3 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
© Regiopress, All rights reserved