laRegione
Cineasti del presente
08.08.22 - 20:26

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...

di Ivo Silvestro
un-deserto-sospeso-tra-cielo-e-terra
Istantanea da ‘Fragments From Heaven’

Formalmente è un documentario, ‘Fragments From Heaven’ del giovane regista marocchino Adnane Baraka: il film, in concorso nella sezione Cineasti del presente, ci porta nel deserto del Marocco dove una famiglia di pastori percorre gli ampi spazi cercando delle rocce particolari, dei meteoriti da vendere agli scienziati che vogliono studiare l’origine della vita.

Il tema è quello della panspermia, un’ipotesi scientifica che vede i "semi della vita" (termine carico di significato metafisico ma che può banalmente indicare molecole complesse) arrivare sulla Terra dallo spazio. Come del resto è accaduto con gli atomi più pesanti, formatisi in una precedente generazione di stelle poi esplose, dando la possibilità a scienziati e poeti di affermare che siamo fatti di polvere di stelle.

Baraka tuttavia segue un approccio tutto suo – nella sua presentazione del film Giovanni Marchini-Camia cita Terrence Malick ed è un riferimento interessante – e non si dilunga in troppe spiegazioni, ci mostra paesaggi e personaggi lasciando allo spettatore ricostruire o immaginare il tutto. Il deserto diventa luogo di transiti e di incontri: degli scienziati che cercano tracce delle origini, dei pastori che cercano un sostentamento per il futuro, della terra e del cielo. È un documentario che adotta il linguaggio poetico del non-detto, un’ora e mezza che richiede un certo sforzo da parte dello spettatore ma che lo ricompensa con un viaggio che parte da un arido deserto e arriva al cosmo. Un’esperienza per la vista e anche per l’udito, grazie al suono in presa diretta (di cui si è occupato lo stesso Baraka) e alle musiche.

Carico di significati anche ‘Sister, What Grows Where Land Is Sick?’ (ma il titolo originale, ‘Den siste våren’, significa "L’ultima primavera") della norvegese Franciska Eliassen: la regista ci invita a conoscere il lato oscuro Vera attraverso lo sguardo (e la lettura del diario personale della ragazza) della sorella minore Eira, toccando temi quali la salute mentale, il femminismo, l’ecologia. Forse troppo, ma la regista riesce a gestire abbastanza bene il tutto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
5 ore
‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’
Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
13 ore
Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione
Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
17 ore
Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev
La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior
Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall
Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
1 gior
Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil
Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior
Louise Nevelson ‘painted it black’
Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Culture
2 gior
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
3 gior
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
3 gior
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
3 gior
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
© Regiopress, All rights reserved