laRegione
Sostiene Morace
laR
 
09.08.22 - 15:40

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna

di Mariano Morace
per-fortuna-c-e-ancora-chi-spende-soldi-per-guardare-i-film
Keystone
Lo spettatore anfibio (cit. Lorenzo Buccella)

Siamo al famoso e famigerato ‘giro di boa’ e possiamo tentare un primo bilancio dei 17 film nel concorso. Ne abbiamo visti circa la metà e lo stesso per quanto riguarda la piazza. Non ci sono ancora dei dati ufficiali sul numero di spettatori, ma pensando alla quasi totale sospensione dell’edizione 2020 e il dimezzamento di posti disponibili per l’edizione 2021, il fatto che secondo l’ufficio stampa stiamo eguagliando le cifre del 2019, e questo è sicuramente un successo confortante, vuol dire che il Festival continua a essere amato dal suo pubblico, vuol dire che ci sono ancora migliaia di persone disposte a spendere 20/30 franchi per vedere un film di cui magari non sanno nulla!

Ma torniamo al mezzo bilancio, un conto sono le cifre e un altro la qualità, e cominciamo dal concorso, che devo dire fino a ora non mi ha entusiasmato: della decina di titoli visti ne salvo due o tre, mettendo al primo posto un piccolo film, senza pretese, ma ricco di emozioni e di voglia di comunicarle, parliamo di ‘Gigi la legge’, di Alessandro Comodin (Italia), che mi ha colpito per la capacità di raccontare una storia comune, la bellezza delle immagini e la bravura del suo interprete, un attore non professionista. Voglio citare anche ‘Tengo Suenos eléctricos’, di Valentina Maurel (Belgio, Francia e Costarica), anche questo per la capacità di raccontarci rapporti complessi di una famiglia disgregate, e soprattutto tra padre e figlia, un ragazza sedicenne che deve affrontare oltre alla crisi familiare anche la scoperta della sessualità, e anche in questo caso sottolineiamo la bravura degli interpreti. Lascio per ultimo ‘Skazka’, di Alexander Sokurov, sicuramente uno dei grandi registi del nostro tempo, che mi ha colpito molto per l’originale idea (animare immagini famose di quattro protagonisti della storia del ‘900 e farli dialogare fra loro) e le scelte tecnologiche, ma mi hanno lasciato perplesso alcune superficialità. Gli altri titoli mi hanno lasciato indifferente o infastidito, ma il mio è un giudizio soggettivo, poi ognuno ha il diritto e il piacere di fare la propria classifica.

Chiudiamo con la piazza, che secondo me ha presentato una selezione variata e interessante. Non è mancata la grande produzione americana, ma non sono manche anche proposte meno facili ma molto stimolanti. Personalmente ho apprezzato – a parte il divertente ed esagerato ‘Bullet Train’ – ‘Last Dance’ di Delphine lehericey e ‘My Neighbor Adolf’.

Ma come detto siamo solo a metà, speriamo che le sorprese non manchino e rinviamo un vero giudizio a fine settimana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
57 min
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 ora
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
12 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
17 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
18 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
18 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
22 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
© Regiopress, All rights reserved