laRegione
07.08.22 - 21:08
Aggiornamento: 21:27

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’

di Ivo Silvestro
cineasti-del-presente-voglia-di-raccontare-e-sperimentare
‘Petites’, di Julie Lerat-Gersant

Come vanno le cose tra i Cineasti del presente? Se il Concorso internazionale e la Piazza scorrono senza particolari sussulti, nella sezione dedicata ai talenti emergenti abbiamo trovato alcuni lavori interessanti, ricordandoci che registe e registi al loro primo (o secondo) lungometraggio forse mancano di esperienza ma non di idee e di voglia di raccontare.

Dell’ucraino ‘How Is Katia?’ abbiamo già accennato sull’edizione di sabato: il film di Christina Tynkevych colpisce con una storia dura e una non banale riflessione sulla giustizia. Quando un’auto investe la piccola Katia mentre attraversa la strada sulle strisce, la madre Anna potrebbe riconoscere, in cambio di un ricco e utile risarcimento dalla potente famiglia dell’investitrice, che si sia trattato di una fatalità e che nessuno ha colpa. Ma Anna – una brava Anastasia Karpenko – non cede neppure quando il resto della famiglia le volta le spalle e l’unica possibilità per ottenere una qualche forma di giustizia sembra essere una facile vendetta. Christina Tynkevych fa un buon lavoro di regia, con primi e primissimi piani quasi claustrofobici e un uso sapiente della camera a mano. La regista ha saputo dare sostanza a una denuncia sociale che – ad esempio in momenti come il confronto tra Anna e la madre dell’investitrice – sa scavare in profondità mettendo allo scoperto responsabilità individuali e collettive: il problema non sono le forze dell’ordine incapaci, i tribunali corrotti, l’avidità delle banche che non esitano a togliere la casa a chi rimane paga in ritardo le rate del mutuo; il problema è una società incapace di pensare al futuro e di credere in qualcosa che non sia il proprio tornaconto.

Interessante, anche se incompleto, ‘Petrol’ dell’australiana Alena Lodkina: si racconta della relazione tra due ragazze, la timida studentessa di cinema Eva e la carismatica artista Mia. L’intento è forse raccontare il disorientamento di una generazione, ma la narrazione risulta confusa e nonostante alcuni momenti divertenti rimane un esercizio fine a se stesso. Discorso simile per ‘Love Dog’ di Bianca Lucas, una coproduzione tra Polonia, Messico e Usa che prova a indagare la solitudine umana partendo da John e dal suo tentativo – tra lunghe e bizzarre sessioni di chat online e tristemente surreali incontri di persone – di elaborare il lutto per l’improvvisa morte della fidanzata Ambientazione interessante – siamo nel Mississippi rurale e postpandemico –, personaggi a tratti intriganti ma il gioco di rimandi tra la solitudine del protagonista e quella della società regge fino a un certo punto, con il coinvolgimento del cane che dà da titolo al film. Si sente la mancanza di una sceneggiatura solida.

Nel fine settimana è arrivato anche ‘Petites’, esordio cinematografico di Julie Lerat-Gersant, regista che però ha una solida esperienza teatrale e si vede, soprattutto per come coordina il cast di giovani attrici dalla parlata adolescenzialmente veloce. Protagonista del film è Camille (l’eccezionale Pili Groyne), una sedicenne incinta che un tribunale decide, dopo un tentativo di aborto, di allontanare dalla madre – che a sua volta ha i suoi problemi – per portare avanti la gravidanza in una casa famiglia. Qui conosce Alison, un’altra ragazza madre, e si confronta con l’educatrice Nadine: scontato che alla fine arrivi a conoscere meglio se stessa, ma Lerat-Gersant si impegna a non fare il solito film sull’aborto o sulle ragazze madri e certamente ci riesce, per quanto ‘Petites’ ceda leggermente al facile moralismo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
1 ora
La cappa plumbea che spaventa la destra
Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
2 ore
‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’
Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
12 ore
Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti
Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
17 ore
L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata
Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Cinema
18 ore
James Bond e il cinema, la morte può attendere
Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
18 ore
Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica
La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Scienze
22 ore
Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale
Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
L’intervista
1 gior
Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni
Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior
Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp
Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior
Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian
La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
© Regiopress, All rights reserved