laRegione
06.08.22 - 17:53
Aggiornamento: 07.08.22 - 18:20

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival

dieci-festival-al-palacinema-una-finestra-sulla-svizzera
Ti-Press
Ora, per il Palacinema inizia la fase della promozione culturale

«Questo non è solo un palazzo. Il Palacinema è una realtà viva, che vive di cinema e interconnessioni». Così Roberto Pomari, direttore dell’istituzione, ha definito quest’oggi in conferenza stampa la casa, fortemente voluta, della settima arte a Locarno in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa 10 Festival al PalaCinema. La rassegna, coinvolgendo dieci direzioni artistiche, intende aprire una finestra sui festival cinematografici svizzeri e ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale. «Ora inizia per il Palacinema la fase della promozione culturale e l’iniziativa che siamo qui a presentare oggi si inserisce in questo contesto. Ne è il punto di partenza».

La presentazione alla stampa, lo scriviamo subito rendendo il discorso di ciascuno corale, è stata permeata dall’entusiasmo di tutte le entità coinvolte, che si sono espresse con interventi che hanno mescolato tre delle quattro lingue nazionali. L’idea l’ha lanciata Nadia Dresti, membro del consiglio di amministrazione della Palacinema Sa, e prenderà vita da settembre 2022 fino a giugno 2023: «Omaggiando i festival celebriamo il cinema e chi lo fa. Si tratta di un unicum. Poi chissà, magari qualcuno prenderà in mano il testimone…». «La Svizzera è il treffpunkt della discussione sul cinema» e questa iniziativa – «assolutamente pregevole» – è «una gran prova di amicizia» e «un ponte fra le regioni, dandoci la possibilità di conoscerci reciprocamente». Soprattutto l’intento di ideatori, ospiti e partecipanti è quello di «ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale cinema» che, a dispetto dei festival, sono sofferenti.

Scrivevamo, da settembre 2022 a giugno 2023, a cadenza mensile, la casa del Cinema e dell’Audiovisivo apre le sue porte ai festival cinematografici svizzeri, invitando a Locarno dieci direttrici e direttori a presentare un’opera della storia della loro manifestazione e a discutere con il pubblico della Svizzera italiana. Quindi, ad aprire la serie di eventi, il 15 settembre, sarà il Locarno Film Festival, padrone di casa, con una serata completamente dedicata al pubblico locale, poche settimane dopo la fine della sua 75esima edizione. E in onore dell’importante anniversario della kermesse locarnese si torna alla primissima edizione, quella del 1946, con la proiezione di ‘Roma città aperta’ di Roberto Rossellini, introdotta da Giona A. Nazzaro.

Dopo settembre, da ottobre il Palacinema ospiterà quindi le direttrici e i direttori di altri nove grandi festival svizzeri di fama internazionale: Kurzfilmtage Winterthur (John Canciani) Zurich Film Festival (Christian Jungen), Castellinaria – Festival del cinema giovane (Giancarlo Zappoli), Fantoche International Animation Film Festival (Ivana Kvesić), Festival International de Films de Fribourg (Thierry Jobin), Giornate di Soletta (Niccolò Castelli), Neuchâtel International Fantastic Film Festival (Pierre-Yves Walder), Geneva International Film Festival (Anaïs Emery), Visions du Réel (Emilie Bujès).

Dalle varie declinazioni del fantastico a quelle del cinema documentario, dai film d’animazione a quelli destinati al pubblico più giovane, passando uno sguardo d’insieme sul cinema, è un viaggio all’insegna della cinefilia e della diversità dell’offerta cinematografica dei festival, spesso al di fuori del circuito tradizionale.

Il progetto è reso possibile con la collaborazione di Rsi - Radiotelevisione svizzera, l’organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli (Otlmv) e Enjoy Arena. La serata dedicata al Kurzfilmtage Winterthur è in collaborazione con la Ticino Film Commission.

L’entrata alle proiezioni, precedute da una conversazione con le direttrici e i direttori dei festival, saranno proposte a un prezzo ridotto di 10 franchi. L’abbonamento generale, che permette di accedere a tutte le proiezioni, è disponibile a 70 franchi. I film saranno mostrati in italiano o con sottotitoli in italiano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Società
6 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
2 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
2 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
2 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
2 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
Libri
3 gior
Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’
Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca
Spettacoli
3 gior
Il Premio Palmira è una cosa per giovani
Non bisogna avere più di 30 anni per scrivere il prossimo spettacolo della Compagnia Comica di Mendrisio. Del concorso (e non solo) parla Lucia Crivelli
© Regiopress, All rights reserved