laRegione
06.08.22 - 17:53
Aggiornamento: 07.08.22 - 18:20

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival

dieci-festival-al-palacinema-una-finestra-sulla-svizzera
Ti-Press
Ora, per il Palacinema inizia la fase della promozione culturale

«Questo non è solo un palazzo. Il Palacinema è una realtà viva, che vive di cinema e interconnessioni». Così Roberto Pomari, direttore dell’istituzione, ha definito quest’oggi in conferenza stampa la casa, fortemente voluta, della settima arte a Locarno in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa 10 Festival al PalaCinema. La rassegna, coinvolgendo dieci direzioni artistiche, intende aprire una finestra sui festival cinematografici svizzeri e ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale. «Ora inizia per il Palacinema la fase della promozione culturale e l’iniziativa che siamo qui a presentare oggi si inserisce in questo contesto. Ne è il punto di partenza».

La presentazione alla stampa, lo scriviamo subito rendendo il discorso di ciascuno corale, è stata permeata dall’entusiasmo di tutte le entità coinvolte, che si sono espresse con interventi che hanno mescolato tre delle quattro lingue nazionali. L’idea l’ha lanciata Nadia Dresti, membro del consiglio di amministrazione della Palacinema Sa, e prenderà vita da settembre 2022 fino a giugno 2023: «Omaggiando i festival celebriamo il cinema e chi lo fa. Si tratta di un unicum. Poi chissà, magari qualcuno prenderà in mano il testimone…». «La Svizzera è il treffpunkt della discussione sul cinema» e questa iniziativa – «assolutamente pregevole» – è «una gran prova di amicizia» e «un ponte fra le regioni, dandoci la possibilità di conoscerci reciprocamente». Soprattutto l’intento di ideatori, ospiti e partecipanti è quello di «ridare voglia al pubblico di tornare nelle sale cinema» che, a dispetto dei festival, sono sofferenti.

Scrivevamo, da settembre 2022 a giugno 2023, a cadenza mensile, la casa del Cinema e dell’Audiovisivo apre le sue porte ai festival cinematografici svizzeri, invitando a Locarno dieci direttrici e direttori a presentare un’opera della storia della loro manifestazione e a discutere con il pubblico della Svizzera italiana. Quindi, ad aprire la serie di eventi, il 15 settembre, sarà il Locarno Film Festival, padrone di casa, con una serata completamente dedicata al pubblico locale, poche settimane dopo la fine della sua 75esima edizione. E in onore dell’importante anniversario della kermesse locarnese si torna alla primissima edizione, quella del 1946, con la proiezione di ‘Roma città aperta’ di Roberto Rossellini, introdotta da Giona A. Nazzaro.

Dopo settembre, da ottobre il Palacinema ospiterà quindi le direttrici e i direttori di altri nove grandi festival svizzeri di fama internazionale: Kurzfilmtage Winterthur (John Canciani) Zurich Film Festival (Christian Jungen), Castellinaria – Festival del cinema giovane (Giancarlo Zappoli), Fantoche International Animation Film Festival (Ivana Kvesić), Festival International de Films de Fribourg (Thierry Jobin), Giornate di Soletta (Niccolò Castelli), Neuchâtel International Fantastic Film Festival (Pierre-Yves Walder), Geneva International Film Festival (Anaïs Emery), Visions du Réel (Emilie Bujès).

Dalle varie declinazioni del fantastico a quelle del cinema documentario, dai film d’animazione a quelli destinati al pubblico più giovane, passando uno sguardo d’insieme sul cinema, è un viaggio all’insegna della cinefilia e della diversità dell’offerta cinematografica dei festival, spesso al di fuori del circuito tradizionale.

Il progetto è reso possibile con la collaborazione di Rsi - Radiotelevisione svizzera, l’organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli (Otlmv) e Enjoy Arena. La serata dedicata al Kurzfilmtage Winterthur è in collaborazione con la Ticino Film Commission.

L’entrata alle proiezioni, precedute da una conversazione con le direttrici e i direttori dei festival, saranno proposte a un prezzo ridotto di 10 franchi. L’abbonamento generale, che permette di accedere a tutte le proiezioni, è disponibile a 70 franchi. I film saranno mostrati in italiano o con sottotitoli in italiano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Spettacoli
4 ore
Niente tour europeo per Ozzy Osbourne
Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
7 ore
Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici
È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
9 ore
Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’
Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
20 ore
Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto
Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Locarno Film Festival
1 gior
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
1 gior
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
1 gior
Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson
È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Spettacoli
2 gior
È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams
L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Scienze
2 gior
Il Covid resta un’emergenza internazionale
Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
L’intervista
2 gior
Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’
Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
© Regiopress, All rights reserved