laRegione
laR
 
12.08.21 - 12:51
Aggiornamento: 16:45

La libertà di Yaya e Lennie, tra Corto Maltese e Steinbeck

Intervista al regista Alessandro Rak che questa sera porterà il pubblico di Piazza Grande in una Napoli diventata giungla impenetrabile a causa del riscaldamento globale

di Ivo Silvestro
la-liberta-di-yaya-e-lennie-tra-corto-maltese-e-steinbeck

Questa sera in Piazza Grande torna il cinema d’animazione con il lavoro del regista italiano Alessandro Rak. ‘Yaya e Lennie – The Walking Liberty’ è ambientato in un futuro prossimo in cui, in seguito a una catastrofe ambientale, la terra è completamente invasa da una giungla impenetrabile. Qui incontriamo i due protagonisti, la ribelle Yaya e il gigante buono Lennie, in fuga dai militari di una Istituzione che vuole imporre a tutti il proprio ordine autoritario e incrociando la strada di improbabili rivoluzionari.

Alessandro Rak, quale è il target di ‘ Yaya e Lennie’?

La Mad Entertainment, la società di produzione con la quale collaboro da ormai tre film, lavora su un concetto di low budget legato anche a un’idea di maggiore libertà nel sondare il mercato. Perché se devi mettere in moto una macchina come quella della Disney, devi essere certo di rientrare dei costi e devi quindi centrare il tuo target; per noi il rischio c’è comunque ma abbiamo una maggiore libertà di ricerca.Aggiungo che ‘target’ è spesso una parola spiacevole, per chi si sente un artista o comunque fa un’attività creativa: è molto legata al mercato, a un materialismo che non riguarda la poetica. Ma credo ci sia un corrispondente poetico: a chi è dedicato questo film? Questa storia è nata innanzitutto dalle istanze delle persone che lo hanno realizzato: il target è il team che ci ha lavorato, i produttori, i loro genitori, i figli e i nipoti… qui dentro c’è una ricerca di trasversalità, di un target abbastanza vasto. Anche se poi realizzare un “cartone animato” è una scelta che di per sé va a ridurre il target, perché molti non hanno familiarità con il cinema d’animazione e lo relegano, e lo regalano, alle fasce più giovani. Il nostro, per i temi affrontati, non è un film per bambini piccoli… dei ragazzi più grandicelli vedono invece cose ben più dure delle asprezze presenti nel nostro film e penso che lo possano guardare, anche se senza cogliere tutto.

Contrariamente ad altri Paesi, nel cinema italiano non c’è una tradizione di cinema d’animazione adulto.

Sì, è cosa un po’ più rara ma negli ultimi anni si sta avendo una crescita alla quale speriamo di aver anche noi contribuito. Perché l’animazione si presta a qualsiasi tipo di narrazione e anzi credo che il cinema sia una branca dell’animazione. Quando fai animazione puoi mettere tutto quello che vuoi, anche immagini del reale. Alla fine, i film pieni di effetti speciali sono film d’animazione anche loro…

Ci muoviamo all’interno della fantascienza post-apocalittica. Quali sono le fonti di ispirazione?

La fonte originaria non era né fantascientifica né post-apocalittica: ‘Uomini e topi’ di John Steinbeck. Anche se qualcosa di post-apocalittico in realtà c’è, perché la Grande depressione è stata anche quello, per come l’America pensava di essere prima di quella crisi.Poi l’idea di partenza è stata seppellire di giungla tutto quello che ci circonda, facendola riemergere in maniera per noi giocosa – molti dei reperti che vengono fuori sono legate alla città di Napoli, ma è un divertissement nostro che si aggiunge alla dimensione universale della storia.

E Orwell con ‘1984’?

C’è un ragionamento sull’idea di società, ma come riferimenti direi più ‘Walden ovvero Vita nei boschi’ di Henry David Thoreau, ‘Émile’ e ‘Il contratto sociale’ di Rousseau con il tema del buon selvaggio. Si tratta di idee più datate, di un’epoca in cui si vedevano gli effetti dell’industrializzazione, la formazione delle metropoli e in queste trasformazioni avevi già la contraddizione con la natura, la formazione di una regola sociale come negazione delle libertà degli individui. Allora si metteva in discussione quello in cui ci si stava infilando, mentre adesso ci siamo dentro e ragioniamo meno sul senso delle norme e delle regole.

Tra i tanti riferimenti del film, Corto Maltese con il suo tipico cappello e, in una delle prime scene, la linea della vita…

Sei uno dei pochi che ricorda questo particolare!Inizio dal cappello: è chiaro che c’è un riferimento a Corto Maltese e al senso di libertà che il fumetto di Hugo Pratt portava con sé.Per l’altra cosa: il film ha molto forte il tema del libero arbitrio, se siamo noi a determinare le cose o se sono le cose a determinare noi. E il famoso atto – famoso per noi appassionati – di Corto Maltese che si taglia la linea della vita sulla mano per decidere della propria sorte centra pienamente questo tema.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
1 ora
Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona
Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
11 ore
Per tutte le Anna Frank del mondo
Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
La recensione
17 ore
Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi
Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Mostra
1 gior
Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno
La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior
È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’
L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
1 gior
Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro
Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
1 gior
‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’
L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Concorso
2 gior
La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante
Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior
In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8
Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Fuori concorso
3 gior
‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore
Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
© Regiopress, All rights reserved