laRegione
08.08.21 - 10:00
Aggiornamento: 18:47

‘Monte Verità’, in Piazza Grande una grande delusione

Scontato e banale, il film di Stefan Jäger è più un'operazione di marketing territoriale che vero cinema

di Ivo Silvestro
monte-verita-in-piazza-grande-una-grande-delusione

Piazza Grande ha avuto il primo inciampo di questa 74ª edizione, sabato sera, con ‘Monte Verità’ di Stefan Jäger. Capita, di avere un film deludente e va anche riconosciuto che il giudizio è in parte soggettivo. Il problema non è che ‘Monte Verità’ è un brutto film; il problema è che risponde a una logica che – forse ingenuamente – si sperava di non vedere applicata alla programmazione del Festival.

‘Monte Verità’ è lungo, noioso – a tenerci svegli, durante l’anteprima per la stampa, i colleghi che alla spicciolata abbandonavano la sala –, con una sceneggiatura scontata, una regia piatta, un montaggio tedioso; di buono, o comunque discreto, le interpretazioni degli attori e alcune idee interessanti come il rapporto della protagonista con la fotografia. Il resto è un’operazione di promozione del territorio, in pratica un lungo spot in cui si dice quanto è bella la regione, che importante passato ha avuto. E scriviamo “passato” invece di “storia” perché seguendo la rassicurante logica del marketing si tacciono i fermenti politici e rivoluzionari che animarono la regione, riducendo il Monte Verità a un terapeuta un po’ donnaiolo e alla innocua storia di liberazione di una donna della borghesia viennese, un tema importante ma che nel 2021 poteva e doveva avere altre letture meno scontate.

Viene da chiedersi perché un film insipido come ‘Monte Verità’ sia arrivato al Locarno film festival e soprattutto in Piazza Grande. La risposta è banalmente nei pochi chilometri che separano la piazza dal monte. C’è sempre stata, ed è giusto che ci sia, nella programmazione della piazza un’attenzione verso il pubblico locale (ticinese e dei turisti della svizzera interna), ma questa attenzione va unita, e di solito lo è, con proposte che abbiano un minimo di dignità cinematografica.

Concludiamo con un consiglio: se si vuole promuovere il territorio si possono realizzare, partendo dal materiale del film, alcuni brevi filmati da condividere online. Una clip con Hermann Hesse che racconta il suo ‘Siddharta’ mentre si toglie, in maniera visivamente innocua per non dire rassicurante, i vestiti un po’ di like se li merita tutti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
9 ore
Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo
Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
11 ore
Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire
Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
12 ore
‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza
Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Culture
22 ore
Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli
A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior
Niente tour europeo per Ozzy Osbourne
Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior
Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici
È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior
Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’
Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
1 gior
Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto
Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Locarno Film Festival
2 gior
Successione Marco Solari, c’è la commissione
Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
2 gior
Le Donne, la musica e Ornella Vanoni
Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
© Regiopress, All rights reserved