laRegione
06.08.21 - 20:38

Il cinema di Kasia Smutniak

Intervista all'attrice e modella che stasera in Piazza Grande ritirerà il Leopard Club Award

di Ugo Brusaporco
il-cinema-di-kasia-smutniak
Kasia Smutniak (Foto Andrea Gandini)

Che nella Piazza Grande, colma di un pubblico attento a conoscere il Cinema, quel Cinema che per la sua storia è sempre stato il peso e la gloria di un Festival che non è nato per celebrare la gloria fascista, come Venezia, o per sfidarla come Cannes, o per dimenticarla come Berlino, ma che è nato proprio per indagarlo, per farlo conoscere. Ed ecco che ogni sera in Piazza Grande si compie quel rito, quella cerimonia, per ricordare a tutti che il cinema è vivo, che il cinema è vita. Così è stata anche la serata di oggi, aperta con la consegna del Leopard Club Award all’attrice Kasia Smutniak, che abbiamo avuto l’onore di incontrare e intervistare.

Kasia Smutniak ha una sua idea del cinema: “È una lente d’ingrandimento. Non è il teatro. Offre al pubblico di entrare nei personaggi. Succede anche a me: quando leggo un libro o una sceneggiatura vedo i volti, immagino la voce dei personaggi, anche se hanno la loro. Se non riesco a fare questo rinuncio alla sceneggiatura che mi era stata proposta. In questo mi aiuta molto l’istinto, anche se è proprio l’istinto che mi porta a commettere errori, e ne ho commessi in vent’anni di carriera e posso aggiungere che ho avuto il lusso di poter sbagliare. Innanzitutto perché arrivata in Italia dalla Polonia mi sono trovata a fare il mestiere d’attrice senza ricevere i giudizi più severi, quelli dei parenti e amici».

Durante l’intervista, grazie alla domanda di un collega, commossa, Kasia Smutniak ha ricordato il regista Peter Del Monte scomparso il 31 maggio 2021 con cui nel 2007 aveva recitato ‘Nelle tue mani’: «Di quell’esperienza mi ricordo tutto. Dopo quel film io ho saputo cosa andare a cercare nel mio lavoro futuro. Peter mi ha dato la totale libertà. A vent’anni quando ti danno la libertà vai nel panico, ma oggi averla avuta ha fatto di me una persona e un’attrice diversa». Le chiediamo cosa e come è cambiato il mondo cinematografico italiano, dai suoi esordi a oggi. Lei si ferma a pensare, poi decisa risponde: «Il mondo è cambiato. Ed è stato un cambiamento così veloce… basta pensare all’arrivo delle piattaforme, prima il progettare un film era storia spesso di anni e lo stallo serviva per pensare, valutare, serviva per una maggior attenzione al girato e a tutto il lavoro di postproduzione. Oggi è tutto più veloce, abbiamo messo il piede sull’acceleratore. Prima si sperava di andare ai festival per far vedere i propri film, oggi è tutto diverso, tutto più aperto. Tutti speravamo che questa novità portasse aria fresca nel mondo del cinema, ma ci siamo trovati davanti alla globalizzazione del racconto. C’è richiesta si, ma di storie che si assomiglino. Io ho voglia di scoperte nuove. Il cinema non deve creare racconti omologati solo per compiacere il pubblico. Dobbiamo dare una svolta, imprimere un cambiamento, e questo può avvenire, soprattutto per un fatto: vent’anni fa non era possibile per noi donne avere quegli spazi che ci stiamo prendendo oggi. Spazi di racconto che saranno giudicati dai nostri nipoti. Il problema è che se la narrazione resta nelle mani dei maschi non c’’è futuro, restiamo a raccontare le solite banali storie. Il problema delle piattaforme infine è quello della fretta, tutti devono fare in fretta sceneggiatori, registi, musicisti… ma è come preparare una torta, non puoi anticipare i tempi. Ecco il problema oggi è questo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Distopie
2 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
12 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
14 ore
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
20 ore
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
1 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
Libri
2 gior
Le ciliege della costa del Mar Nero
Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
2 gior
Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®
Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica
© Regiopress, All rights reserved