laRegione
01.08.21 - 19:52

Dalla Rotonda allo Spazio

Scopriamo ‘ Space Explorers: The Iss Experience’, il progetto in realtà aumentata nella vecchia cabina di proiezione del Festival di Locarno

di Ivo Silvestro
dalla-rotonda-allo-spazio

Una passeggiata di una ventina di minuti e si possono vedere le tre cabine di proiezione del Festival di Locarno, dal parco Robinson dove troviamo la prima, ideata da Livio Vaccini, alla Piazza Grande dove l’attuale cabina attende l’appuntamento con il prefestival previsto martedì. In mezzo al percorso, c’è la Rotonda che da alcuni giorno ospita la cabina numero due per il progetto in realtà virtuale ‘Space Explorers: The Iss Experience’.
Dalla Rotonda alla Stazione spaziale internazionale con “la più grande produzione documentaristica mai girata nello spazio” come recita la presentazione di questo film realizzato da Félix Lajeunesse e Paul Raphaël inviando sulla Iss alcune videocamere ad alta risoluzione appositamente realizzate per funzionare in contesti di micro-gravità.
“Realtà virtuale” significa banalmente che si indossano gli appositi occhiali – più una maschera, a dire il vero – e le cuffie e, impugnati eventuali controller, ci si ritrova immersi in un mondo altro. Si potrebbe pensare che, durante l’esperienza, dove ci si trovi fisicamente sia perlopiù ininfluente: basta un luogo relativamente tranquillo, che poi questo sia un’aula scolastica, la propria camera o altro ancora non cambia nulla. Eppure non è così: arrivare nella Stazione spaziale internazionale dopo essere entrati nella cabina di proiezione di Piazza Grande, quell’oggetto misterioso e un po’ alieno che si vede nei giorni del festival, è un’altra cosa, un’anticipazione del viaggio verso l’Iss che mette nel giusto stato mentale.
Poi, appunto, ci si siede sulle poltroncine, si indossano gli occhiali da realtà virtuale e si è nella Stazione spaziale internazionale. Come non la si è mai vista prima. Innanzitutto perché è tutta intorno noi: le telecamere di Félix Lajeunesse e Paul Raphaël sono a 360 gradi e trovarsi moduli e apparecchiature davanti dietro sopra e sotto è ben diverso dalle solite immagini piatte che si è soliti vedere. Senza dimenticare che siamo in una situazione di microgravità, un sopra e un sotto non ci sono e niente di meglio che poter muovere liberamente la testa per rendersi conto che non ci sono un soffitto e un pavimento ma semplicemente pareti. Ma soprattutto perché i due registi hanno voluto raccontare la quotidianità della Stazione spaziale internazionale, dall’ambientarsi dei nuovi arrivati alla necessità di fare esercizio fisico per sopperire alla mancanza di gravità fino ai momenti conviviali. E vedere un astronauta mangiare un dolcetto fluttuante non è emozionante come una fantascientifica sparatoria a raggi laser, ma è reale.

Fino al 14 agosto

‘Space Explorers: The Iss Experience’ è un progetto realizzato in collaborazione con il Geneva international film festival ed è disponibile, gratuitamente, alla Rotonda fino al 14 agosto, con oltre cento proiezioni in programma dalle 10.30 del mattino alla mezzanotte. Il documentario è diviso in quattro parti; alla Rotonda sono disponibili le prime due, ‘Adapt’ (29’) e ‘Advance’ (33’). Ad ogni proiezione potranno accedere sei persone, con certificato Covid.
Prenotazione sul sito www.locarnofestival.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L'intervista
1 ora
Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle
Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Culture
13 ore
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
15 ore
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
22 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
1 gior
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
1 gior
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
© Regiopress, All rights reserved