laRegione
28.11.21 - 10:29
Aggiornamento: 15:17

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’

i-pesci-sotto-the-bridge-e-il-pescatore-sting
Gordon Matthew Thomas Sumner (Keystone)

Fermato dalla pandemia a San Francisco, con il musical ‘The Last Ship’ in town, Sting fa le valigie e se ne torna in Inghilterra con tutto il suo staff. “E ora che diavolo faccio?”, dice raccontando la genesi del suo 15esimo e non previsto album uscito lo scorso 19 novembre; “Entravo in studio alle 10 di mattina e ne uscivo per cena, fortunato di poterlo fare”. Le 10 canzoni del nuovo disco – più le due della versione deluxe e una ‘(Sitting on) The Dock Of The Bay’ – sono nate “come si pesca”, ovvero “butti un verso nell’acqua e non viene su niente per giorni; poi, quando meno te l’aspetti, abbocca un pesce, o qualcosa che gli somiglia, e dopo un anno, se sei fortunato te ne ritrovi 12 da cucinare”. Poi il pescatore guarda i suoi pesci e a partire da quello intitolato ‘Captain Bateman’ – adattamento di un brano del XII secolo che sta dentro un libro sul pianoforte di casa Sting – capisce che hanno tutti qualcosa in comune e scrive ‘The Bridge’, pesce che dà il titolo al disco, perché i personaggi ivi contenuti “stanno tutti cercando un ponte sul futuro” (grazie a Billboard per i virgolettati e a Sting per la parentesi ittica).

Forzando noi stessi oltre l’effetto del già sentito che porta dall’orecchiabile ‘If It’s Love’ dritti a ‘All This Time’ (perché l’ostinato del sempreverde Dominique Miller alla chitarra è, gradevolmente, il medesimo) e da ‘For Her Love’ dritti uguali a ‘Shape Of My Heart’, per la quale ogni tentativo di avvicinamento diventa repulsione, aperto da ‘Rushing Water’ – bella traccia n.1 con un piede negli Ottanta (la strofa) e uno nei Novanta (il riff) – ‘The Bridge’ è un alternarsi di Sting (plurale) vissuto anche in ‘57th & 9th’. Nemmeno qui il primo ascolto premia (a volte è un bene), meglio tentare il secondo (che non significa garanzia d’innamoramento). Eccezion fatta per la spazzolata ‘The Bells of St. Thomas’, il nuovo che in questo disco avanza grazie ai suoni antichi del jazz, aperta da curiose visioni oniriche belghe che valgono il prezzo del biglietto (“Mi sveglio ad Anversa / Nel letto di una qualche donna ricca / C’è un uomo con un martello nella mia testa / Lei dice ‘Non riuscivo a svegliarti / Pensavo fossi morto / Ma parlavi nel sonno / E non capivo quello che dicevi’”). Ed eccezion fatta per la ‘The Bridge’ canzone, scarna come un messaggio dentro la bottiglia (non era voluto, ndr), lei e il suo flusso di anime in transito in cerca di meglio.

Pistolotto conclusivo: “La gente pensa sempre in termini di successi passati. I musicisti no”, diceva Freddie Mercury. E dunque un nuovo disco di Sting è sempre un regalo, quasi una benedizione. Poi, se l’innamoramento proprio non scatta come accadeva un tempo, si può provare ad ascoltarlo partendo dalla fine.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
5 ore
Addio a Vittorio Barino
Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
7 ore
Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre
Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Scienze
12 ore
Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli
I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
12 ore
Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar
Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
14 ore
È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’
L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
17 ore
La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret
Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
21 ore
Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle
Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Culture
1 gior
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
1 gior
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
1 gior
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
© Regiopress, All rights reserved