laRegione
power-up-ac/dc-dinamica-dell-immutabile
We're back. Yes, we're back (foto: Josh Cheuse)
Figli delle stelle
21.11.20 - 11:200
Aggiornamento : 11:46

'Power Up': AC/DC, dinamica dell'immutabile

AC/DC, 'Power Up' - ★★★★✩ - Non è molto diverso dagli altri. Non chiedevamo di meglio.

Forse l’abbiamo già scritto, ma è sempre un aneddoto divertente da raccontare. Un giornalista, in un giorno imprecisato di fine anni Ottanta, fece questa domanda ad Angus Young, solista oggi ancor più leader della rock band australiana AC/DC dopo la scomparsa del ritmico fratello Malcolm: “Ma vi rendete conto che avete fatto undici album tutti uguali?”. Angus lo scolaretto, con imprevedibile autoironia e in nome di una compostezza quasi mai britannica, gli rispose: “Ti sbagli. Sono dodici”.

Quando il lampo ha cominciato a lampeggiare – l’accativante teaser che ai primi di ottobre annunciava sui social l’imminente singolo ‘Shot in the dark’ – non è parso vero a metallari, rockettari e insospettabili melodici (il loro pubblico è clamorosamente trasversale) di ritrovare gli AC/DC quasi al completo, in quello che è ufficialmente, dallo scorso venerdì, il primo disco (il diciassettesimo) senza Malcolm Young, motore forse imprescindibile del groove degli australiani, spentosi giusto tre anni fa, il 18 novembre, sostituito dal vivo e ora anche su disco dal nipote Stevie.

L’inferno non è poi un brutto posto

‘Power Up’, ma anche ‘PWR/UP’ (o con la scossa al posto dello slash) è il nuovo album di quella macchina da guerra del rock nata nel dicembre del 1973 tra la Scozia e l’Australia, dal genio e dalle maniere sbrigative tipicamente di Glasgow dei fratelli Young, nello specifico i fratellini Angus e Malcolm e non di meno il fratellone George, finito all’inferno solo un mese prima del secondo.

La storia dice che ci fu George dietro l’esplosione del fenomeno AC/DC, lui già con un passato di musicista, alla consolle (e molto altro) dall’esordio di ‘High Voltage’ (1975) fino allo splendido ‘Powerage’ (1978), prima di lasciare il posto a John ‘Mutt’ Lange per ‘Highway To Hell’ (1979), album della svolta, e ‘Back In Black’ (1980), album del ricordo di Bon Scott, primo frontman finito all’inferno anch’egli per qualche eccesso di troppo (Precisazione: l’inferno, tematica che ritorna costantemente nei testi della band almeno quanto il sesso, è il paradiso per gli AC/DC, che nel 1977 sull’album ‘Let there be rock’ cantavano ‘Hell Ain’t a Bad Place to Be’, l’inferno non è poi un brutto posto. Perché a noi viene più facile immaginarci gli ex componenti nelle profondità degli inferi a rosolarsi al sacro fuoco del peccato che non nell’alto dei cieli coi cherubini ai cori e San Pietro all’organo Hammond).

‘Faccio cose’

“Sono fortunato”, dice Angus Young con tre o quattro Marshall alle spalle durante un’intervista di lancio di ‘Power Up’, rispondendo a chi gli chiede com’è essere gli AC/DC ai tempi della pandemia, loro che nei carnai di arene e stadi sono sempre stati la negazione del distanziamento sociale. E la copertina, in un certo senso, e anche il video – band e attrezzature in uno studio vuoto – sottolineano il momento, con il neon del logo (autorizzato per il solo ‘High Voltage’, ma gli Young tornarono a usarlo senza permesso due anni più tardi, e per sempre) a riempire gli spazi vuoti. “Faccio esercizi, provo qualcosa di nuovo, sperimento. Cerco qualcosa che sia AC/DC, ma che ancora non è uscito da noi”. E quando quel qualcosa “diventa AC/DC, mi fermo e passo al resto”. Parlando di ‘Power Up’, il redivivo Brian Johnson dice che a ogni disco degli AC/DC per lui è come essere “l’astronauta sul primo razzo per la luna”. Perché, come i traduttori coi libri, ascolta i pezzi prima di tutti. “E se i pezzi non fossero fantastici, sarebbe una disgrazia cantarli”.

'Un miracolo della medicina'

Il ritorno di Brian Johnson, che in ‘Demon fire’ sfoggia anche il registro grave, diversamente demoniaco, ci dà il là per la miglior definizione di ‘Power Up’, che vorremmo tanto avere scritto noi ma, siamo onesti, viene dalla stampa inglese: “Un miracolo della medicina”. A cantare, come detto, è Johnson, degno erede di Bon Scott, che nel 2016 diede l’addio alla band per gravi problemi all’udito, sostituito da Axl Rose dei Guns N’ Roses (“Non abbiamo mai nemmeno pensato di registrare con lui”, avrebbe detto l’ultimo degli Young, ed è un bene, perché Axl Rose con gli AC/DC c’entra come Tony Hadley coi Rolling Stones).

Tra i miracolati c’è anche il batterista Phil Rudd che, guai giudiziari a parte, è sopravvissuto a un infarto che nel 2014, anno dell’album solista ‘Head Job’, ci privò di una sua intervista svizzera (e ancora ci percuotiamo il bassoventre come Tafazzi dell’hard rock). Ora il battito è regolare quanto i colpi sui timpani di ‘Code Red’, il lento picchiare che s’insegna nelle scuole di musica. Che sembra facile, ma facile non è.

È tutto. Cosa ne pensiamo dell’album? Che è uguale a tutti gli altri. Non chiedevamo niente di meglio.

TOP NEWS Culture
Castellinaria
56 min
Luce, Domenica e le piccole cose di un 'Palazzo di giustizia'
È l'opera prima di Chiara Bellosi, già affermata documentarista, in concorso nella sezione 'Young'. Con due esordienti che strappano applausi.
Castellinaria
23 ore
A Castellinaria una Antigone contro le violenze della polizia
La regista canadese Sophie Deraspe porta ai nostri giorni la tragedia di Sofocle. Ma il dilemma resta: obbedire alla legge degli uomini o a quella del cuore?
Culture
1 gior
Come si dice lìdatè? Il Cantone indaga le varietà dell’italiano
L’indagine sociolinguistica si aggiorna con un sondaggio online. Ne parliamo con Laura Baranzini dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana
Culture
2 gior
Le libertà di Emilio Bossi a cent’anni dalla sua morte
Laicità, attenzione alle minoranze: il liberalismo di Milesbo al centro del libro di Edy Bernasconi sul politico e giornalista ticinese
Società
3 gior
I tanti generi della discriminazione
Intervista al filosofo Lorenzo Gasparrini, sabato ospite di un incontro virtuale organizzato da Comundo e nateil14giugno
Culture
3 gior
‘Salviamo il giornalismo, non ci sono click che tengano’
Troppo odio nei post: il Giornale di Brescia in lockdown da Facebook. ‘Per il rispetto dei lettori e del nostro mestiere’. La direttrice, Nunzia Vallini
Castellinaria
4 gior
'Semina il vento': Nica come Greta, tra gli ulivi e l'Ilva
Atto secondo del tarantino Danilo Caputo, nella sezione 'Young'. Una storia 'local', mai tanto attuale e universale.
Castellinaria
4 gior
‘Balloon’, il Tibet cinese per un giorno a Castellinaria
Fuori concorso il film del regista sino-tibetano Pema Tseden, disponibile solo oggi in streaming
Spettacoli
4 gior
C'è un musical sul Viagra: lo dirige Spike Lee
L'opera è ispirata agli eventi realmente accaduti intorno alla scoperta di un farmaco che inizialmente era stato pensato come rimedio per l'angina pectoris.
Culture
4 gior
Quando la parola diventa Alberto Nessi
Narratore e poeta, festeggia oggi il suo 80esimo compleanno, mentre germogliano pubblicazioni: antologie, un diario e il tributo della scena letteraria tutta.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile