laRegione
laR
 
24.09.22 - 11:44

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro

di Giovanni Medolago
sergentmagiu-ghe-riverem-a-baita
AViLab-Mendicino
Mario Rigoni Stern

È il primo novembre 1921: Mario Rigoni Stern nasce ad Asiago quando il ‘suo’ Altopiano tenta a propria volta di ri/nascere dopo i due milioni di bombe (!) che l’hanno distrutto durante la Prima Guerra Mondiale. Sono tempi grami, che – tuttavia – da un lato gli imprimono quella tempra indispensabile per sopravvivere a quanto di ben più gramo lo aspetta; dall’altro, la caparbietà della sua gente nel volersi risollevare e il nazionalismo che ha nel duce il suo profeta lo spingono ad arruolarsi e a diventare, a 17 anni, il più giovane Alpino del regio esercito. L’annuncio dell’entrata in guerra dell’Italia (maggio 1940) lo coglie quando si sta addestrando in Valle d’Aosta. Le Alpi che separano il suo Paese e la Francia diventano così il suo primo fronte, ma il suo giovanil entusiasmo s’incrina subito, quando dopo pochi mesi si ritrova a combattere in Albania: "È lì che ho cominciato a riflettere…"

È una delle tante confessioni che Mario Rigoni Stern ci concede nel documentario ‘Il sergente dell’Altopiano’, firmato da Federico Massa e Tommaso Brugin (che ha pure curato il montaggio) e prodotto da Villi Hermann e, tra gli altri, da Silvana Bezzola Rigolini per la Rsi. Accompagnato dalle musiche di Zeno Gabaglio e sorretto dal buon lavoro del direttore della fotografia Andrea Azzetti, il doc ha avuto la sua ‘prima nazionale’ in una cornice che sarebbe piaciuta allo scrittore vicentino: la ‘Corte Cuntitt’ di Castel San Pietro. Proiezione all’aperto, dunque, con un discreto vento settembrino certo non paragonabile a quello feroce che infieriva sulle truppe italiane abbandonate a sé stesse sulle rive del Don nell’inverno 42/43, dov’è spazio/temporalmente ambientato ‘Il sergente nella neve’, da molti definito il capolavoro dello scrittore. "Niente affatto, ribatte il sergente Rigoni: il mio capolavoro è stato condurre in salvo i 70 soldati che mi erano affidati". Tra questi, il Giuanin che gli ripeteva come un mantra "Sergentmagiù, ghe riverem a baita?". Rigoni tornò a Asiago (da dove non si mosse più sino alla morte nel 2008) il 5 maggio 1945, pesava 40 chili dopo aver percorso a piedi quasi tremila chilometri. La reiterata domanda è tuttavia rimasta ben impressa nella mente di Alberto Nessi, divenuto poi amico del sergentmagiù, che con Antonio Mariotti ha introdotto il filmato accanto ai produttori, a Mark Bertogliati del Museo Etnografico di Cabbio e a Bruno Donati, il quale ha avuto il piacere di accompagnare ‘il sergente’ durante un’escursione in Val Bavona. "Ho scoperto un luogo incantevole", scrisse poi Rigoni Stern su La Stampa di Torino, "ma non vi dico dov’è perché vorrei che rimasse tale, incolume da quel turismo di massa che distrugge tutto!". Un pensiero che testimonia l’amore dello scrittore per la natura, gli alberi, gli animali e ribadito nel documentario con un aforisma che passiamo agli ecologisti per ricavarne un sagace slogan: "La terra? Dobbiamo limitarci a sfruttarne solo gli interessi, senza intaccare il capitale".

Particolarmente toccante infine il pensiero che rivolge a Primo Levi. Quando in un’intervista televisiva chiesero all’autore di ‘Se questo è un uomo’ come avrebbe voluto trascorrere il Natale, lui rispose: "In una baita di montagna chiacchierando con Mario Rigoni Stern davanti al fuoco del caminetto". L’incontro poi ci fu davvero. Non a Natale, però, e probabilmente nessuna chiacchiera dinnanzi le fiamme: bastava il silenzio per ripercorrere l’orrore attraversato, nella vita e nella loro opera, da questi due grandi scrittori dell’infausto Novecento, uniti nella convinzione che "chi non ha memoria non ha avvenire".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
4 ore
Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi
Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
6 ore
Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage
Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Distopie
13 ore
‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse
Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Otium
23 ore
Il Forum per l’italiano in Svizzera
Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Spettacoli
1 gior
Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano
‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
L’intervista
1 gior
Silvio Orlando, un Momò a Locarno
Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Culture
2 gior
Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel
Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
2 gior
Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’
Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
2 gior
‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano
È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
2 gior
‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour
Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
© Regiopress, All rights reserved