laRegione
21.07.22 - 12:33
Aggiornamento: 19:32

Da ‘100autori’ solidarietà a Jafar Panahi: ‘L’Iran lo liberi’

L’associazione si mobilita: ‘Per lui e per i suoi colleghi. La libertà di opinione, e con essa quella di espressione, è un diritto fondamentale’

Ats, a cura di Red.Cultura
da-100autori-solidarieta-a-jafar-panahi-l-iran-lo-liberi
Keystone
Anno 2010, nei giorni del primo fermo

L’associazione 100autori si mobilita per la liberazione di Jafar Panahi, il regista e oppositore iraniano condannato a sei anni di reclusione dopo l’arresto dell’11 luglio scorso, chiedendo al governo d’impegnarsi per la scarcerazione e ai colleghi di tenere alta l’attenzione sul caso. "Era il 24 dicembre del 2010 quando noi registi e sceneggiatori di 100autori – si legge in una nota – esprimevamo il nostro profondo sconcerto e dolore per ciò che stava accadendo al cineasta iraniano Jafar Panahi, condannato a sei anni di carcere e a vent’anni d’interdizione dal cinema nel suo Paese per reati di opinione".

Alla luce degli ultimi sviluppi, l’associazione "non può che rimobilitarsi per lui e per i suoi colleghi. La libertà di opinione, e con essa quella di espressione, è un diritto fondamentale per qualsiasi uomo. Ci rivolgiamo al governo del nostro Paese affinché chieda alle autorità politico-istituzionali iraniane di liberarli. Sarà nostro impegno tenere alta l’attenzione sul caso Panahi, che ci lascia increduli e ci obbliga a restare vigili. Non permetteremo che questa palese ingiustizia ai danni di un nostro collega finisca sotto silenzio, tanto più nella consapevolezza che altri cineasti, anche meno noti, da tempo subiscono, in Iran come in altri Paesi, altrettanta violenza. Invitiamo, dunque, tutti, professionisti del cinema, semplici cittadini, a tenere acceso il faro su questa vicenda, a chiedere la liberazione di Jafar Panahi e dei suoi colleghi – conclude l’appello dei 100autori –, sicuri che in tanti riusciremo a ottenere che siano nuovamente cittadini liberi, come uomini e come cineasti".

Leggi anche:

Iran, sei anni di prigione al regista Jafar Panahi

‘Jafar Panahi libero’, lo chiede anche il Locarno Film Festival

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Ticino7
6 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
17 ore
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
20 ore
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
1 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
Spettacoli
2 gior
È morto Bruno Arena de I Fichi d’India
Aveva 65 anni. Nel 2013 era stato colpito da un aneurisma cerebrale
© Regiopress, All rights reserved