laRegione
19.07.22 - 18:14

Iran, sei anni di prigione al regista Jafar Panahi

Era stato arrestato l’11 luglio scorso dopo essersi recato in Procura di per avere aggiornamenti sul collega Mohammad Rasoulof, anch’egli detenuto.

Ansa, a cura di Red.Cultura
iran-sei-anni-di-prigione-al-regista-jafar-panahi
Keystone
A Locarno nel 1997

Dovrà scontare una pena detentiva di sei anni il regista e oppositore iraniano Jafar Panahi, arrestato l’11 luglio scorso, giorno del suo compleanno, dopo essersi recato alla Procura di Teheran per avere aggiornamenti sul caso di un altro regista, Mohammad Rasoulof, anch’egli detenuto. Dovrà scontare una condanna per "propaganda contro il regime", dopo aver sostenuto il movimento di protesta del 2009 contro la rielezione dell’ultraconservatore Mahmoud Ahmadinejad a presidente della Repubblica islamica. La condanna gli era stata inflitta nel 2010, e Panahi era stato detenuto solo per due mesi, godendo poi del regime di semilibertà condizionale che poteva essere revocato in qualsiasi momento. Parallelamente gli era anche stato imposto il divieto di dirigere o scrivere film, viaggiare o addirittura parlare ai media. Negli anni che seguirono, le autorità iraniane hanno chiuso un occhio, mostrando nei suoi confronti una certa ‘tolleranza’, che però si è conclusa otto giorni fa presso l’ufficio del procuratore della capitale.

Varie cancellerie occidentali, fra cui quella francese, hanno denunciato il preoccupante deterioramento della situazione degli artisti in Iran. Negli ultimi tempi la repressione contro il dissenso si è manifestata con numerosi arresti anche nei confronti di varie figure politiche, come l’esponente del movimento riformista Mostafa Tajzadeh, fermato l’8 luglio a Teheran. Tajzadeh è attualmente in custodia cautelare a Evin ed è stato accusato tra l’altro di propaganda contro la Repubblica islamica. Ex viceministro sotto il governo del riformatore Mohammad Khatami, si era candidato alla presidenza nel 2021 come "cittadino, riformista".

Leggi anche:

‘Jafar Panahi libero’, lo chiede anche il Locarno Film Festival

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Scienze
15 ore
Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo
In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
20 ore
Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij
La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior
Perché il fascismo è nato in Italia
È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
1 gior
Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti
Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Scienze
1 gior
Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo
Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
Culture
1 gior
Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)
Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
1 gior
È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’
Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior
Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?
A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Illustrazione
3 gior
Cesare Lombroso e la fissa per il cranio
La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
3 gior
Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre
Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
© Regiopress, All rights reserved