laRegione
Locarno 75
06.07.22 - 20:37
Aggiornamento: 22:46

Marco Solari: ‘Il nostro è un festival che guarda avanti’

Oggi a Bellinzona è stata presentata l’edizione numero 75 del Locarno Film Festival. A margine abbiamo posto una manciata di domande al presidente.

marco-solari-il-nostro-e-un-festival-che-guarda-avanti
Ti-Press
Marco Solari è presidente del Festival da 22 anni

A margine della conferenza stampa di presentazione della 75esima edizione del Locarno Film Festival, che si svolgerà dal 3 al 13 agosto prossimi, abbiamo rubato pochi minuti a Marco Solari, presidente dal 2000, per porgli una manciata di domande.

Presidente, durante la presentazione, la parola ricorrente è stata ‘futuro’, quasi una voce programmatica, una dichiarazione d’intenti che appartiene al festival...

Lo è per forza. Il nostro è un festival che è sempre andato avanti e che ha sempre saputo superare le crisi, proprio perché ha saputo guardare oltre. A maggior ragione, in un momento come questo in cui si festeggia il 75esimo, noi sappiamo che è pericolosissimo sedersi e auto celebrarsi. In occasione di questo anniversario, si può di certo guardare al passato, soprattutto ma bisogna interrogarsi su ciò che sarà il festival, il suo ruolo, domani. Questa è una necessità. E guardare al futuro tante significa cose. Significato per esempio digitalizzazione. Che non deve essere un proclama, una parola vuota e stereotipata, ma concretizzarsi in progetti (come stiamo facendo). Significa ancora comunicazione.Noi oggi dobbiamo conquistare il giovane pubblico e giovanissimo e possiamo fare solo usando le modalità comunicative giuste, adatte.

Quali sono i sentimenti, le emozioni a ridosso di questa edizione?

Più che sentimenti ed emozioni, direi che c‘è la speranza. Di inndole sono una persona inquieta permanente, perciò appena c’è successo mi inquieto e mi dico: "Qual è il prossimo passo?". Perché, e mi ripeto, bisogna sempre andare avanti. Al mondo ci sono all’incirca seimila festival cinematografici, di un prendere di questi si parla un po’. E poi ce ne sono dieci che sono internazionali e il Locarno Film Festival fa parte di questi, ne è perché il nostro è un festival soprattutto parte libero e ha quale obiettivo la qualità. Per questo siamo sempre alla ricerca della perfezione, per questo motivo un festival così non può fermarsi.

Ancora una domanda (scontata), Solari sarà presidente anche il prossimo anno?

Il cambio di presidenza non è programmato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
2 ore
Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury
Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Ticino7
9 ore
‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli
Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
20 ore
Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini
L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Video
Musica
23 ore
‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen
Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Scienze
1 gior
Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione
In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
1 gior
Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno
Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
1 gior
Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’
Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Spettacoli
1 gior
Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’
Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
2 gior
Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente
Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
L’intervista
2 gior
Michele Mariotti al Lac, una ‘prima’ per tre
La Prima di Brahms, il primo concerto per violino di Prokof’ev e l’esordio della stagione Osi al Lac, tutto nelle mani del direttore d’orchestra italiano
© Regiopress, All rights reserved