laRegione
il-monte-generoso-di-catania
La foto-icone (fino al 30 giugno)
Fotografia
25.06.22 - 09:00
di Giovanni Medolago

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio

Ormai è una bella tradizione: quando al Fiore di Pietra è in corso una mostra fotografica, ecco che il Monte Generoso viene designato da una Giuria di esperti indipendenti come la più bella location per meeting del Ticino e tra le più belle mete di tutta la Svizzera! Lo ‘Swiss Nice Location Award 2022’ accompagna stavolta l’expo di Yuri Catania, fotografo italiano attivo soprattutto nella moda e nel glamour, che dal 2018 vive a Rovio. Raggiunto telefonicamente nel suo stand all’Art Basel, ci spiega questa scelta, che non può certo rappresentare il ‘buen ritiro’ per un artista che all’anagrafe denuncia solo 47 anni e che è solito lavorare tra Milano, New York e altre importanti capitali: "Forse il destino, di certo un colpo di fortuna: quando con mia moglie abbiamo scoperto in vendita una splendida casa con un enorme giardino altrettanto splendido, la scelta è stata immediata!".

Diventata nel frattempo una Galleria molto attiva, la casa – ultima del villaggio prima delle pendici del monte – è per così dire il suo personale osservatorio sul Generoso, da dove ha scattato, sempre dalla stessa postazione, le foto ora esposte al Fiore di Pietra, fatta eccezione per quella intitolata ‘Over the Clouds’, dove il Fiore bottiano è ripreso dall’alto senza tuttavia risultare, miracolosamente!, schiacciato nell’inquadratura. Tutte con un pregnante, incisivo bianco&nero; ma anche qui c’è un’eccezione: ‘Deep Blues Rocks’, dove appare una tinta piuttosto sfumata e sull’arancione, ciò che ci lascia facoltà d’interpretare quel Blues come un richiamo alla musica afroamericana nata nelle piantagioni degli Stati meridionali degli USA.

Tutte propongono in primo piano oppure sullo sfondo un’affascinante baraonda di nuvolaglia, anche qui tuttavia ecco l’immancabile eccezione: la foto/icona della mostra, col Monte innevato sovrastato da una luna non ancora perfettamente piena e che, con un po’ d’immaginazione, può trasformarsi in un Lem che sta scegliendo il punto giusto sul quale posarsi sulla nostra Selene... generosa! Splendida infine l’immagine del già citato Fiore, che stavolta si staglia lassù in alto: un nido d’aquila in qualche modo protetto dai due crinali.

‘My Generoso. Una Montagna per Amico’, la mostra di Yuri Catania (sponsorizzata dal Percento Culturale Migros) resterà aperta sino al prossimo 30 giugno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fotografia monte generoso yuri catania
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Locarno 75
6 ore
Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare
Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
12 ore
Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione
Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
17 ore
Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico
Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
20 ore
A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps
In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
20 ore
‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’
Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
1 gior
Man! I Feel Like Shania Twain
Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
1 gior
In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua
Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior
‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita
I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Estate giallo-nera
1 gior
‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca
‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior
Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina
Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
© Regiopress, All rights reserved