laRegione
la-nuova-sinistra-allo-specchio
Bellinzona 1968
11.06.22 - 20:40
di Orazio Martinetti, storico

La Nuova Sinistra allo specchio

Che cosa rimane degli anni ’60 e ’70 del Novecento nell’irrequieta e spesso suscettibile sinistra ticinese?

Che cosa rimane degli anni ’60 e ’70 del Novecento nell’irrequieta e spesso suscettibile sinistra ticinese? Quali sono le immagini che desidera conservare nell’album di famiglia? A questi interrogativi hanno cercato di rispondere militanti vecchi e giovani venerdì 13 maggio al Palacongressi di Lugano, su iniziativa del Forum Alternativo. Un dialogo intergenerazionale: da un lato attivisti di lungo corso come Pietro Martinelli, Christian Marazzi e Danilo Baratti; dall’altro due giovani ricercatori come Damiano Bardelli (che ha inquadrato storicamente l’argomento) e Tobia Bernardi, autore di una pregevole indagine sul Partito Operaio e Contadino ticinese, in seguito Partito del Lavoro, nel secondo dopoguerra. Chi scrive ricorda un raduno analogo, svoltosi il 12 novembre del 1988 a Trevano, organizzato da un altro Forum, quello «critico» promosso da Silvano Gilardoni nel 1986. Due dei relatori sopraccitati c’erano già allora: Martinelli, Marazzi e poi Martino Rossi (questa volta presente in platea). Durante l’incontro di 34 anni fa la questione riguardava presenza, senso e portata dei socialisti autonomi nell’esecutivo cantonale: «Sinistra di governo o sinistra al governo». Concretamente il Forum critico chiedeva a Martinelli, eletto nel 1987 in Consiglio di Stato assieme a Rossano Bervini (due consiglieri socialisti su cinque), di dar conto del suo operato, in sostanza di rispondere ai quesiti posti sul Lavoratore da Giancarlo Nava: «È valsa la pena, per un partito come il PSA, di aver sacrificato un certo modo di far politica per poter accedere al governo? È servito a qualcosa accettare preventivi e consuntivi, le linee direttive e piano finanziario, le leggi principali, evitando di formulare controproposte, evitando di far ricorso a referendum e iniziative e soprattutto evitando di mobilitare la gente sui principali problemi del Cantone?». Agli occhi dell’articolista le risposte di Martinelli non erano parse convincenti: «Il PSU [nel frattempo il PSA si era fuso con la Comunità dei socialisti di Robbiani] continua a ripetere tramite i suoi dirigenti di essere moderno, affidabile, efficiente, progettuale… La realtà è ben diversa e gli slogan non potranno più a lungo nasconderla».

Nel raduno al Palacongressi, il Forum Alternativo ha voluto fare un passo indietro, ritornare agli anni che hanno preceduto l’ingresso del PSA in governo; una fase sotto vari aspetti concitata, a tratti incandescente, rimasta conficcata nella memoria della generazione che l’ha vissuta, determinando destini personali, carriere politiche, visioni del mondo. Di certo, per rispondere alla domanda iniziale («che cosa rimane di quell’esperienza?»), occorre preventivamente ricostruire gli antefatti, allestire un inventario delle vittorie e delle sconfitte, riprendere in mano le mappe degli itinerari percorsi, delle tappe mancate, delle strade imboccate contromano.

Studenti sulle barricate

In quel giro d’anni, sull’onda della democratizzazione degli studi, molti universitari manifestarono fastidio per un «modo di far politica», come allora usava dire, distante dalle vere esigenze dei ceti popolari. Una politica fondata sulle clientele e sul voto di scambio, attenta unicamente ai risvolti corporativi, allergica quando non indifferente al dibattito ideologico-culturale.

Di solito si fa riferimento ai «fatti» della Magistrale nel ’68; ma quell’episodio, elevato a mito, non fu un fuoco di paglia, bensì un’azione le cui radici risalivano alla prima metà degli anni Sessanta, l’epoca delle campagne anti-atomiche e della formazione delle prime cellule di dissenso all’interno dei partiti al governo; giovani – soprattutto cattolici-conservatori e socialisti – che non intendevano condividere le scelte dei partiti dominanti, ormai considerati anemici e scarsamente propositivi.

Protagonista del risveglio fu la «nuova sinistra» che si era andata formando ai bordi del movimento operaio e sindacale tradizionale, prima nei campus californiani («Free Speech Movement») e poi negli atenei europei. Bersagli polemici erano da un lato la socialdemocrazia che si era accomodata nel «sistema», dall’altro le stanche formule comuniste – lotta di classe, dittatura del proletariato, partito unico – ereditate dalla Terza Internazionale controllata dell’Unione Sovietica. La «New Left» poneva invece l’accento sull’alienazione di cui soffriva l’individuo nella società dell’automazione, sull’autoritarismo delle istituzioni civili, religiose e scolastiche, sul militarismo e sul razzismo.

Nel frattempo cresceva l’insofferenza nei confronti dei partiti ligi al Cremlino, specie dopo la costruzione del muro di Berlino e la repressione della Primavera di Praga. Da quegli avvenimenti tragici molti trassero la conclusione che il «socialismo reale» fosse perduto e irriformabile; di qui l’esigenza di percorrere vie nuove, che non replicassero quei modelli, rivelatisi largamente fallimentari.

Va tuttavia osservato che sul piano dell’elaborazione teorica, il rinnovamento era già in corso da tempo, fin dai primi anni Sessanta. A promuoverlo furono alcuni intellettuali «eretici» come Raniero Panzieri, Alberto Asor Rosa, Mario Tronti. Nel 1961 apparve il primo numero dei Quaderni Rossi, rivista che si prefiggeva di esplorare le «lotte operaie nello sviluppo capitalistico». L’anno successivo Piergiorgio Bellocchio – scomparso lo scorso 18 aprile all’età di novant’anni – dava alle stampe il primo numero dei Quaderni Piacentini, laboratorio del marxismo eterodosso. Infine, nel 1966, Tronti raccolse in volume i suoi interventi sotto il titolo Operai e capitale, passato alla storia come il testo fondativo dell’«operaismo». Il programma di questa corrente consisteva nell’orientare lo sguardo sulle grandi fabbriche del Nord, a partire dalla Fiat, enfatizzando il ruolo dell’«operaio massa», figura-chiave della produzione in serie, poco specializzata e facilmente intercambiabile; una classe combattiva ma indocile, spesso formata da immigrati meridionali, pronta a portare le rivendicazioni nelle pubbliche vie, come di fatto avvenne a Torino, in piazza Statuto nel luglio del 1962.

Sul tronco dell’operaismo spuntarono ancor prima del Sessantotto e dell’autunno caldo del ¢69 numerosi altri rami e polloni, sigle e circoli, giornali e riviste, spesso in aspra polemica tra loro. Fu comunque una stagione feconda, i cui echi rimbalzarono anche nel piccolo arcipelago ticinese, sia nelle file del Movimento Giovanile Progressista (MGP), sia nei gruppuscoli extraparlamentari che si dicevano leninisti, trotzkisti, maoisti e perfino guevaristi: pochi numericamente, ma molto attivi nella scuola e nel servizio pubblico. Certo, la «classe operaia» apparteneva in larga parte all’orizzonte dell’immaginazione; solo l’acciaieria Monteforno e l’Officina di Bellinzona potevano fregiarsi del titolo di grande impresa. Il resto del tessuto industriale era composto da un pulviscolo di micro-aziende sorte a ridosso del confine, con maestranze facilmente ricattabili perché formate in prevalenza da frontalieri.

Un bilancio in chiaroscuro

Sul Sessantotto la letteratura è ormai copiosa, e continua a crescere ad ogni anniversario. Il che si spiega con il carattere essenzialmente intellettuale del movimento, animato da leader provenienti in larga parte da ambienti sociali borghesi. Nel nostro cantone la contestazione giunse nel bagaglio ideologico dei neolaureati che rientravano dagli atenei d’oltralpe, da Zurigo, Friburgo, Ginevra, qualcuno dalla Statale di Milano, da Pavia o da Padova: erano in prevalenza ingegneri, architetti, avvocati, economisti, insegnanti di materie umanistiche, desiderosi di trasferire il loro sapere e i loro progetti nelle anchilosate istituzioni locali. L’opera di svecchiamento, ritenuta urgente, spinse questa generazione all’«engagement» politico e sociale, senza timore di rompere con la tradizione e con la cultura dei padri. Gli esiti non furono tutti incoraggianti: gli uomini concessero il voto alle donne, ma nello stesso anno (1969) bocciarono sonoramente la Legge urbanistica.

Per completare il quadro bisognerebbe infine aprire una finestra sul mondo sindacale, anch’esso in piena trasformazione, e un’altra sull’universo cattolico, la Chiesa del dissenso, i preti operai, l’apporto delle comunità di base, le riviste non allineate con i dettami del Vaticano. Si pensi alle suggestioni provenienti dalla Scuola di Barbiana di don Milani, oppure all’influenza, sotterranea ma non trascurabile, di periodici come Dialoghi.

Patrimonio in liquidazione?

Qualche reduce deluso, voltata la gabbana, insiste nel rimarcare gli aspetti violenti, folli, criminali di quella stagione, collocando nel Sessantotto la fonte di tutte le disgrazie successive. Un’analisi meno prevenuta mostra invece un quadro molto più sfaccettato e policromo, un mosaico in cui le tessere luminose furono comunque più numerose delle schegge opache o ambigue.

Che cosa resta allora? Resta la consapevolezza di aver condotto molte battaglie giuste contro fronti ottusamente reazionari, di aver insomma contribuito all’«incivilimento» della società e delle sue istituzioni. Disfarsi sbrigativamente di questa eredità (certo, in parte scomoda, ingombrante, ancora divisiva) non renderà migliore la sinistra del XXI secolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sinistra storia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
25 min
A proposito di Robert Walser
Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
3 ore
Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’
Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Musica
10 ore
Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul
Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
10 ore
In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’
Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
14 ore
In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno
Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Sostiene Morace
17 ore
Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film
I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
19 ore
Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione
Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
22 ore
Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena
Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
22 ore
Il Cinema canta in Piazza e in Concorso
Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
23 ore
Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso
Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
© Regiopress, All rights reserved